drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

70° Festival Internazionale del Cinema di Berlino

di Matteo Citrini
  Berlinale 2020
Data di pubblicazione su web 18/02/2020  

Al via l’edizione 2020 del Festival Internazionale del Cinema di Berlino. La manifestazione, giunta al suo settantesimo anniversario, si terrà dal 20 febbraio al primo marzo e sarà diretta per la prima volta dalla coppia Mariette Rissenbeek (executive director) e Carlo Chatrian (artistic director), a cui spetta il compito di raccogliere il testimone lasciato dopo quasi vent’anni da Dieter Kosslick.

Per la loro “prima” il duo ha scelto un’impostazione fortemente intermediale, in particolare con l’organizzazione di concerti, spettacoli, presentazioni che precedono l’apertura del festival e che vantano la collaborazione di artisti affermati quali Fatih Akin, Danny Elfman e Alexander Kluge. Altro grande tema collaterale quello della sostenibilità ambientale, con particolare attenzione alla pulizia della città e alla riduzione dei rifiuti prodotti.

A presiedere la giuria di quest’anno sarà l’attore inglese Jeremy Irons, affiancato dai registi Annemarie Jacir, Kenneth Lonergan e Kleber Mendonça Filho, dall’attrice Bérénice Bejo, dalla produttrice Bettina Brokemper e dall’attore italiano Luca Marinelli, fresco di Coppa Volpi per la sua interpretazione in Martin Eden.

Tra i diciotto film in concorso spiccano grandi firme quali il coreano Hong Sang-soo con Domangchin yeoja, il taiwanese Tsai Ming-liang con Rìzi, gli statunitensi Kelly Reichardt con First Cow e Abel Ferrara con Siberia, senza contare The roads not taken di Sally Potter, che vanta un cast stellare (tra cui Javier Bardem e Salma Hayek). Ad aprire la manifestazione sarà El pròfugo dell’argentina Natalia Meta, al suo secondo lungometraggio. Premio alla carriera per l’intramontabile Helen Mirren, attrice versatile capace di vincere agli Oscar, a Cannes e a Venezia con performance acclamate da critica e pubblico.

L’Italia quest’anno può contare su una duplice presenza tra i film in lizza per l’Orso d’oro. Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo rappresenta il ritorno a Berlino dei due fratelli un paio di anni dopo la loro fortunata apparizione nella sezione Panorama con La terra dell’abbastanza. Il film, favola grottesca ambientata nelle province laziali, vanta nel cast la presenza di Elio Germano. Sempre l’attore romano è protagonista dell’altro lungometraggio italiano in gara, Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, dove interpreta il ruolo del pittore e scultore Antonio Ligabue, figura di spicco nell’arte novecentesca dalla vita travagliata.

Per la sezione Panorama da sottolineare è la presenza di Semina il vento di Daniele Caputo, attenta denuncia delle trasformazioni in atto nelle terre pugliesi, mentre il Pinocchio campione d’incassi di Matteo Garrone compare nel programma di Berlinale special. La sezione Forum vede protagonisti La casa dell’amore di Luca Ferri e Zeus Machine. L’invincibile di Nadia Rocchi e David Zamagni. Per la Settimana della critica c’è Faith di Valentina Pedicini, mentre in Generation gareggia Palazzo di giustizia, esordio alla finzione di Chiara Bellosi. Infine, in omaggio ai settant’anni di Paolo Taviani verrà riproposto l’Orso d’oro Cesare deve morire; seguirà Sole, film d’esordio di Carlo Sironi già apprezzato quest’anno a Venezia.

Non mancano dunque gli elementi per un grande festival. Vedremo se il duo Rissenbeek e Chatrian avrà saputo valorizzare una manifestazione tanto ricca, ma negli ultimi anni spesso criticata per l’approccio troppo retrò. Il cambio di passo, almeno nelle premesse, sembra esserci. A partire dallo slittamento del calendario per evitare la sovrapposizione con gli Oscar e con il capodanno cinese, permettendo una maggiore visibilità mediatica. Da segnalare infine l’introduzione di una nuova sezione, Encounters, volta a dare risalto a nuove prospettive cinematografiche, sintomo di un festival che cerca sì di espandersi, ma prestando sempre attenzione al cinema indipendente.

Di seguito l’elenco dei film in concorso in ordine di proiezione:


El prófugo (The Intruder)

(Argentina / Messico)

di Natalia Meta 

Prima proiezione: venerdì 21 febbraio, ore 19:00, Berlinale Palast


Volevo nascondermi (Hidden Away)

(Italia)

di Giorgio Diritti 

Prima proiezione: venerdì 21 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast


First Cow

(USA)

di Kelly Reichardt 

Prima proiezione: sabato 22 febbraio, ore 19:00, Berlinale Palast


Le sel des larmes (The Salt of Tears)

(Francia/Svizzera)

di Philippe Garrel 

Prima proiezione: sabato 22 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast


Undine

(Germania/Francia)

di Christian Petzold

Prima proiezione: domenica 23 febbraio, ore 19:00, Berlinale Palast


Todos os mortos (All the Dead Ones)

(Brasile/Francia)

di Caetano Gotardo, Marco Dutra

Prima proiezione: domenica 23 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast


Effacer l’historique (Delete History)

(Francia/Belgio)

di Benoît Delépine, Gustave Kervern

Prima proiezione: lunedì 24 febbraio, ore 15:00, Berlinale Palast


Schwesterlein (My Little Sister)

(Svizzera)

di Stéphanie Chuat, Véronique Reymond

Prima proiezione: lunedì 24 febbraio, ore 18:15, Berlinale Palast


Siberia

(Italia/Germania/Messico)

di Abel Ferrara 

Prima proiezione: lunedì 24 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast


Domangchin yeoja (The Woman Who Ran)

(Repubblica di Corea)

di Hong Sangsoo 

Prima proiezione: Martedì 25 febbraio, ore 16:00, Berlinale Palast


Favolacce (Bad Tales)

(Italia/Svizzera)

di Fabio & Damiano D’Innocenzo 

Prima proiezione: Martedì 25 febbraio, ore 19:00, Berlinale Palast


Never Rarely Sometimes Always

(USA)

di Eliza Hittman 

Prima proiezione: Martedì 25 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast


Berlin Alexanderplatz

(Germania/Paesi Bassi)

di Burhan Qurbani

Prima proiezione: Mercoledì 26 febbraio, ore 15:30, Berlinale Palast


The Roads Not Taken

(Regno Unito)

di Sally Potter

Prima proiezione: Mercoledì 26 febbraio, ore 19:30, Berlinale Palast


DAU. Natasha

(Germania/Ucraina/Regno Unito/Russia)

di Ilya Khrzhanovskiy, Jekaterina Oertel 

Prima proiezione: Mercoledì 26 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast


Rizi (Days)

(Taiwan)

di Tsai Ming-Liang

Prima proiezione: Giovedì 27 febbraio, ore 15:30, Berlinale Palast


Irradiés (Irradieted)

(Francia/Cambogia)

di Rithy Panh 

Prima proiezione: Venerdì 28 febbraio, ore 16:00, Berlinale Palast


Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil)

(Germania/Repubblica Ceca)

di Mohammad Rasoulof 

Prima proiezione: Venerdì 28 febbraio, ore 18:30, Berlinale Palast




Il direttore del Festival Mariette Rissenbeek
Il direttore esecutivo del Festival Mariette Rissenbeek



Il direttore artistico del Festival Carlo Chatrian
Il direttore artistico del Festival Carlo Chatrian


 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013