drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

Crash Troades di Giancarlo Cauteruccio al Teatro Studio di Scandicci Teatro

 

Si segnala la prima nazionale del nuovo spettacolo di Giancarlo Cauteruccio, Crash Trōades, in scena dall’11 dicembre al Teatro Studio di Scandicci (Firenze).

 

Approda a Scandicci Crash Trōades, spettacolo prodotto all’interno di TU Teatro Urbano, Progetto di Alta Formazione Artistica e Tecnica della Regione Toscana, con cui Giancarlo Cauteruccio concretizza un percorso avviato negli ultimi anni e dedicato alla formazione creativa, avvertita come parte attiva e fondante del processo di produzione teatrale.

 

Da aprile questo cantiere creativo in movimento, a cui hanno preso parte attiva quindici allievi tra attrici, danzatrici, cantanti liriche e operatori della scena, ha compiuto un particolare viaggio teatrale nella Toscana, procedendo per tappe e mettendo in gioco tre tipologie di luoghi urbani. La prima tappa è stata San Gimignano, scelta come esempio tipico di centro storico, a cui ha fatto seguito Piombino, critica area industriale; ultima tappa l’area metropolitana di Scandicci, sintesi dell’iter.

 

Per il Teatro Studio, dall’11 al 16 dicembre, Cauteruccio ha immaginato un particolare allestimento tra esterno e interno, mettendo in relazione l’esperienza dei maestri con le energie vive e dinamiche degli allievi, chiamati a essere protagonisti dell’opera.

 

Crash Trōades si compone di una parola contemporanea (un chiaro riferimento alla sintesi tra naturale e artificiale immaginata da J.G. Ballard) e il titolo antico del testo euripideo, esplicitando così una decostruzione del segno.

 

Crash Trōades concentra il proprio sguardo sull’universo femminile, basandosi su una tessitura drammaturgica che innesta nel testo euripideo pagine di due autrici testimoni di immani tragedie dei nostri giorni: Anna Politkovskaja con Cecenia e la rwandese Yolande Mukagasana (Nobel per la pace 2011) con Le ferite del silenzio.

 

Dieci le interpreti: cinque attrici, Laura Bandelloni, Irene Barbugli, Debora Daddi, Martina Lino e Flavia Pezzo, tre cantanti liriche Hitomi Ohki, Elisa Prosperi e Maria Elena Romanazzi e due danzatrici, Martina Belloni e Daniela Ranzetti, che  lavorano su un’integrazione linguistica tra recitazione, canto e danza.

 

La scena (di Daniele Spisa) si presenta come un’esplosione di macerie abitata dalle donne vittime dell’olocausto e, nello stesso tempo, coro e archetipi della condizione femminile. Invasa dall’acqua e dalla terra come la spiaggia della costa anatolica, come un dissestato accampamento, un luogo dell’attesa, all’ombra delle mura di Troia in fiamme, la scena rimanda a una dimensione metaforica che si riferisce a tutti gli esodi, i rapimenti, i genocidi della storia, che il linguaggio visuale contemporaneo sintetizza con efficacia.

 

Gli attraversamenti della parola nell’immagine, delle sonorità digitali nel canto trascinano le voci nel rumore bianco, esaltando il tragico senza pathos. Rimane una dolentissima umanità con al centro Ecuba, che cessa di piangere i morti per dialogare con le figlie, le spose, ormai vedove dei figli, con le ancelle, alla ricerca di una ragione, di un pensiero che tenga ancora insieme il mondo.

 

Le musiche elettroniche originali di Marco Puccini interagiscono con il canto lirico dal vivo, mentre la voce fuori campo di Fulvio Cauteruccio  segna l’inizio e la fine  dello spettacolo. I costumi di  Massimo Bevilacqua sono abiti da sposa contaminati con il fuoco e con la terra, in omaggio alle celebri combustioni di Alberto Burri. L’apparato visuale con proiezioni ad alta potenza, riporta dentro la scena del teatro le memorie dei luoghi aperti attraversati dallo spettacolo negli studi precedenti.

 

 

 

Crash Trōades

da Le Troiane di Euripide

 

Dall’11 al 16 dicembre al Teatro Studio di Scandicci

 

regia di Giancarlo Cauteruccio

 

Interpreti Laura Bandelloni, Irene Barbugli, Martina Belloni, Debora Daddi, Martina Lino

Hitomi Ohki, Flavia Pezzo, Elisa Prosperi, Daniela Ranzetti, Maria Elena Romanazzi

 

scenografia di Daniele Spisa

collaborazione alla regia di Fulvio Cauteruccio

studi per la drammaturgia di Virginio Liberti

canto di Monica Benvenuti

coreografia di Patrizia de Bari

luci di Loris Giancola

video di Alessio Bianciardi

costumi di Massimo Bevilacqua

musiche originali di Marco Puccini

foto di scena di Gabriella Di Tanno

 

produzione Teatro Studio Krypton

con il sostegno di Regione Toscana, Scandicci Cultura

e con il contributo di Ente Cassa di Risparmio di Firenze

 

 


 
.



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013