drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

Giornate del Cinema Europeo a Firenze Festival

Si sono appena spenti i riflettori sulla 66 Mostra del Cinema di Venezia ed ecco che prende il via un altro importante appuntamento per tutti gli appassionati della 7 arte: a partire da giovedì 22 settembre a Firenze si terrà la 2 edizione delle Giornate del Cinema Europeo. Dopo il successo della prima edizione, che fu aperta dall’anteprima di Mar Nero del regista fiorentino Federico Bondi (che si rivelò essere uno dei "casi" cinematografici della scorsa stagione), a distanza di un anno la manifestazione torna con un programma davvero molto interessante: tre sezioni (Orizzonti europei, Berlino venti anni dopo, Ritorno a Firenze: retrospettiva Lukas Moodysson) che comprendono ben trenta film, tutti di alto livello, alcuni dei quali in prima assoluta per l’Italia, fra cui Mammut l’ultima, attesissima opera di Lukas Moodysson (già autore di Fucking mal, Together e Liljia 4-ever), passata in concorso all’ultimo Festival del Cinema di Berlino, non ancora distribuita in Italia e che domenica 27 settembre alle ore 21, chiuderà la manifestazione al Cinema Auditorium Stensen in via Don Minzoni n 25/C.

Come tengono a precisare gli organizzatori l’ingresso alle proiezioni è "quasi gratuito": 30 film per 5 euro (tanto costa l’accredito valido per l’intero festival), e se la gran parte dei titoli sarà presentata proprio al Cinema Auditorium Stensen, l’inaugurazione è prevista per giovedì 22 settembre alle ore 21,00 nello storico Cinema Odeon di piazza Strozzi con il film corale Deutschland 09, che comprende "tredici corti sullo stato della nazione", preceduti dal delizioso corto Talk di Lukas Moodysson. Le altre sedi del festival saranno l’Istituto Universitario Europeo in via dei Roccetini n 9 a San Domenico, Fiesole, e la Multisala Grotta in via Gramsci n 393 a Sesto Fiorentino.

Oltre ai film il programma comprende anche una serie di iniziative con i registi e gli attori protagonisti delle opere presentate, a questo proposito si segnalano l’incontro con il regista Hannes Stöhr (Berlin is in Germany e Berlin Calling) previsto per sabato 19 settembre alle ore 17,00 presso il Deutsches Institut Florenz di Borgo Ognissanti n 9 e la tavola rotonda con Lukas Moodysson (di cui il festival propone una retrospettiva completa) che si terrà nella Sala delle miniature di Palazzo Vecchio sabato 26 settembre alle ore 17,00.

"Undici giorni di cinema pensati per i cittadini di Firenze, sia italiani sia di altre nazionalità", così l’organizzazione definisce questa iniziativa, che è soprattutto un’occasione per poter vedere film veramente importanti e difficilmente recuperabili nella normale distribuzione. Tra i tanti titoli proposti mi permetto di citare: La merditude des choses del belga Felix Van Groeningen (passato con successo all’ultimo Festival di Cannes), JCVD di Mabrouk El Mechri con un inedito Jean Claude Van Damme, Mathilde di Nina Mimica con Jeremy Irons e Rata Neće Biti (Non ci sarà la guerra) il toccante documentario di Daniele Gaglianone vincitore del David di Donatello come "Miglior documentario del 2009".

Per il programma completo consultare il sito www.giornatecinema.eu

 

Luigi Nepi


 
Giornate Cinema Europeo



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013