drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

Festival di primavera Festival

Il rapporto tra Salvezza e dannazione, il ladrone “cattivo” crocefisso alla sinistra di Gesù, la contaminazione musicale tra spiritualità europee, mediterranee e orientali. Alessandro Preziosi, Leonardo Manera, Paolo Fresu e Antonella Ruggiero sono quattro dei protagonisti di questa edizione di Crucifixus Festival di Primavera, il principale festival italiano di teatro sacro, riconosciuto con l’Alto Patronato del Pontificium Consilium de Cultura della Santa Sede, Medaglia d’Argento della Presidenza della Repubblica Italiana, che quest’anno festeggia il suo decennale. Toccherà a Paolo Fresu sabato 1 marzo con Claudio Astronio in Cifra Nueva dare il via a questo decimo anno di Crucifixus. Sarà un’edizione dai grandi numeri: 29 giornate di festival, 24 spettacoli, 64 repliche, oltre 140 artisti coinvolti e 25 comuni delle Province di Brescia e Bergamo.

Crucifixus mantiene vivo anche quest’anno quel percorso di reinvenzione della tradizione che, coniugando luoghi d’arte cristiana e antiche pratiche devozionali, propone un recupero del patrimonio teatrale medievale e rinascimentale per dare voce a memorie, testi, musiche, immagini del passato nel continuo confronto con scritture contemporanee e nuove contaminazioni. La programmazione si snoda, come di consueto, su tre direttrici: la Passione di Dio, la Passione dell’Uomo e le Tradizioni del Sacro. Sono molti i grandi artisti che anche quest’anno hanno voluto legarsi e proporsi con un percorso di ricerca tradotto in arte performativa. Inoltre prosegue la collaborazione con l’Università Cattolica che proporrà due processi di teatro e comunità: un innesto originale e prezioso che lega sempre più indissolubilmente questo Festival con il suo territorio.

Sarà il jazzista Paolo Fresu accompagnato da Claudio Astronio in Cifra Nueva (sabato 1 marzo a Pisogne) a dare il via a Crucifixus con uno spettacolo dove la tromba di Fresu, le musicalità della Sardegna e il suono dell’organo si intrecciano in un percorso di spiritualità europea e mediterranea.

Domenica 2 marzo a Provaglio d’Iseo e lunedì 3 marzo a Bienno Leonardo Manera metterà in scena Il cattivo ladrone, un testo di Claudio Bernardi che racconta le gesta del ladrone crocefisso alla sinistra di Cristo.  Il Mistero di Simonino (2, 5, 7 marzo rispettivamente a Grevo di Cedegolo, Cortefranca e Clusone) con Alessandro Manzini mette in scena la vicenda del “martire” Simonino, un bambino di tre anni morto a Trento, considerato vittima degli ebrei. La Passione di Maria, madre e donna, costretta ad assistere all’agonia del figlio, è il filo conduttore di Passio Mariae del Teatro di Buti in scena il 5 marzo a Pisogne e il 6 a Provaglio d’Iseo. Antichissima La passione di Clermont-Ferrand, proposta da Sacchi di Sabbia: questo racconto giullaresco era destinato forse ai pellegrini in viaggio verso Santiago e racconta le ultime ore di vita di Gesù. (8 marzo a Cedegolo, 9 a Zone, 27 a Costa Volpino, 28 a Iseo, 29 a Cerveno).

Isaia, che in ebraico significa “il Signore Salva”, è il nome dietro al quale si celano almeno tre autori differenti che composero un libro profetico al centro del quale c’è il rapporto tra la Salvezza possibile solo in Dio e la dannazione senza speranza di chi si allontana da Lui. Conduttore di questo itinerario spirituale, “Solo il Signore salva”, sarà Alessandro Preziosi, accompagnato alle percussioni da Michele Rabbia (7 marzo a Iseo e 8 marzo a Breno). La Compagnia Viandanze propone San Rocco e l’invisibile (9 marzo Berzo Demo, 12 marzo Sale Marasino, 15 marzo Angolo Terme, 16 a Esine, 19 a Novelle di Sellero, 26 a Edolo, 29 a Polaveno) con Alessandro Manzini. La vita del Santo procede in bilico tra storia e leggenda, seguendo inesorabilmente le orme di Epidemia. Tre immagini, quelle di Caifas, Erode e Pilato, vengono evocate dal coro mentre Cristo si dirige alla Croce seguito da Maria la Madre e Maria Maddalena. Ecco l’uomo, per la regia di Sara Poli con Sergio Mascherpa e Alessandro Mor accompagnati dal Coro Voci dalla Rocca, racconta l’ultimo respiro esalato dal Figlio di Dio (9 marzo Breno, 10 a  Tavernole, 13 a Artogne).

Il Giullare pellegrino è il racconto fatto da una giullaresca di un ipotetico pellegrinaggio da Roma a Santiago de Compostela con Marinella Montanari per la regia di Lorenzo Cognatti in scena il 25 marzo a Pisogne e il 26 a Tavernola. Il dramma umano di un’attrice che deve interrompere la sua professione è La Morte che ti diedi scritto da Michele Sciancalepore con Maria Grazia Narducci proposto a Sellero il 7 marzo e a Marone l’8.

Dissonorata. Un delitto d’onore in Calabria è la storia di una donna senza nome schiacciata dalla legge del padre padrone. Saverio La Ruina ha vinto con questo spettacolo il Premio Ubu 2007 come miglior attore e miglior nuovo testo italiano (10 marzo Provaglio d’Iseo). Gradito ritorno di Silvio Castiglioni a Crucifixus con Casa d’altri, un radiodramma teatrale tratto dall’omonimo di Silvio D’Arzo (12 marzo a Sacca di Esine, 13 Provaglio a d’Iseo, 14 a Bienno) e con Domani ti farò bruciare, uno spettacolo liberamente tratto da I Fratelli Karamazov di Dostoevski, un immaginario colloquio tra Cristo e il Grande Inquisitore (25 marzo Marone).

Si sgretolano gli equilibri di tre fratelli quando nella loro vita entra a far parte la fidanzata di uno di loro. Il Deficiente, vincitore del Premio Scenario 2005, di Gaetano Colella e Gianfranco Berardi sarà in scena l’11 marzo a Clusone e il 16 a Edolo. Maria Paiato sarà la protagonista del bellissimo monologo La Maria Zanella, con il quale l’attrice ha vinto il premio Ubu 2005 (17 marzo a Tavernola, 18 a Breno). Torna, dopo il successo dello scorso anno, Campo Santo di e con Davide Pini Carenzi, storia di un detenuto che ripercorre la tragedia dei Gulag sovietici (27 marzo a Bienno e 28 a Pisogne). L’incontro straordinario tra una cantante italiana dalla voce inconfondibile e un’attrice votata alla narrazione è il cuore de Corpo e Spirito, con Antonella Ruggiero e Lucilla Giagnoni, nello spazio delle Forge Monchieri di Cividate Camuno il 24 marzo.

Dalla collaborazione tra Crucifixus e i laboratori con gli studenti dell’Università Cattolica nascono quest’anno due spettacoli: E nacque un coro dal mio pianto, per la regia di Paola Teresa Bea, interpretato da tre giovani attrici dello Stars di Brescia in collaborazione con Anna Andreotti, Luisa De Martini ed Elena De Renzio Il canto della terra cieca, scritto e diretto da Mariano Dammacco, è invece il racconto delle ultime ore di vita di Norma Cossetto tratto dal libro Foibe Rosse di Frediano Sessi e ugualmente interpretato da studentesse del corso di teatro.

Crucifixus, nel decennale della sua nascita, fissa ancora più saldamente il suo legame con il territorio con due progetti di teatro di comunità, creati ad hoc. Ad occhi chiusi, a cura di Bano Ferari è un lavoro sulla memoria costruito con gli ospiti della casa di riposo Fondazione F.lli Bona di Capo di Ponte. Il secondo progetto, Passione, vede gli allievi della Libera Accademia d’Arte “Tutti in famiglia” di Breno, guidati da Mariano Dammacco in una ri-attuazione della vicenda passionista che qui ed ora diventa carne e chiede di essere vista, ascoltata, annusata, di essere partecipata.




 
.



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013