Michel Plaisance
Florence in the Time of the Medici

Public Celebrations, Politics, and Literature in the Fifteenth and Sixteenth Centuries

translated and edited by Nicole Carew-Reid, Toronto, Centre for Reformation and Renaissance Studies, 2008
ISBN 978-0-7727-2036-8

Data di pubblicazione su web 07/03/2008

copertina

Nell'inesauribile ed inesausta fortuna degli studi sulla Firenze medicea Michel Plaisance è certamente un nome di referenza da almeno un quarto di secolo, ma forse più, se si pensa che già il saggio del 1972 sulla struttura della beffa lo aveva posto all'attenzione degli italianisti come studioso originale e di ampio spettro critico. Nel corso della lunga felice ed inesausta sua stagione “fiorentina” il critico francese ha poi allargato i suoi orizzonti ben al di là della pura referenza letteraria, diventando punto irrinunciabile di confronto per ogni ricerca ruotante intorno alle vicende cittadine tra il quindicesimo e il sedicesimo secolo, cioè nella quattrocentesca stagione laurenziana e nella cinquecentesca cosimiana.

Il prezioso volume ora in uscita presso le edizioni del Centre for Reformation and Renaissance Studies di Toronto (Tradotto dal francese in inglese per la cura di Nicole Carew-Reid)  non risulta, data la caratura dello studioso, la semplice raccolta di saggi sparsi o di difficile reperimento, ma un vero e proprio studio organico di quelle stagioni, delle loro differenze, delle loro intime persistenze. I saggi si distendono cronologicamente, a partire dal più remoto del ‘75 (il celebre e fondante La politique culturelle de Come Ier et les fêtes annuelles à Florence de 1541 à 1550, inserito in quelle “Fêtes de la Renaissance” alle quali si fanno giustamente risalire i fondamenti della nuova storia dello spettacolo) fino ai più recenti, percorrendo le tappe apparentemente parallele ma in realtà intimamente interferenti dei più vivi interessi dell'autore: le ricerche sul teatro e le arti performative a Firenze, quelle sulla vita culturale e le istituzioni, e quelle sulla letteratura italiana del Rinascimento.

La parte più corposa del libro (comprendente i primi cinque saggi) è dedicata alle differenti tipologie delle feste fiorentine di cui segue lo sviluppo per oltre un secolo (dalle feste ancora cittadine del tempo di Lorenzo a quelle sempre più “assoggettate” di Cosimo I e del figlio Francesco). Il sesto capitolo ospita un altro aspetto degli interessi critici di Plaisance e cioè il rapporto tra cultura e istituzioni, ed è una ripubblicazione particolarmente importante del celebre scritto dedicato alla censura, Littérature et censure à Florence à la fin du XVIème siècle; le retour du censuré. Saggio magistrale di passione documentaria e di gusto storico-critico, risultato di anni di riflessione su Manoscritti preparati per la stampa dalla censura ecclesiastica, particolarmente attiva dopo il concilio di Trento e assai occhiuta nei confronti delle dissonanti opinioni del granduca Francesco. 

La chiusa avviene con il ritorno alle più specifiche competenze letterarie dell'italianista e cioè ad uno studio sulla follia come marchio e segno di esclusione  nella novellistica fiorentina del Cinquecento e ad una disamina sui rapporti tra città e campagna nelle novelle di Sacchetti, Sercambi e Sermini. Oltre all'utilità di una raccolta di facile reperimento rispetto alla dispersione nello spazio e nel tempo di questa ricca produzione saggistica e oltre al merito di farla conoscere alla più vasta platea anglofona, il libro ha un altro merito, grandissimo, quello di dare a Plaisance quel che è di Plaisance, cioè di storicizzare e di riportare quindi alla sua paternità quelle idee e quelle indicazioni così fruttuose da esser divenute nel tempo anonime, quasi scontate.

Florence in the Time of the Medici

Indice




Indice

1. Medici Carnivals form Lorenzo the Magnificent to Duke Francesco I


2. Charles VIII’s Entry into Florence in November 1494

3. 1496: Savonarola, Director of the Palm Sunday Procession

5. The cultural Policy of Cosimo I and the Annual Festivities in Florence from 1541 to 1550

6. Literature and Censorship in Florence at the End of the Sixteenth Century: The Re-appearance of Censured Works

7. Madness as an Identifier and a Means of Exclusion: Florentine Short Stories of the Sixteenth Century

8. The Relationship Between City and Country in the Short Stories of Sacchetti, Sercambi and Sermini