Uccidere non è estetico

di Viola Niccoli*

Data di pubblicazione su web 18/09/2023

Xue bao (Il leopardo delle nevi)


Presentato Fuori Concorso all'80ª Mostra del Cinema di Venezia, il film postumo scritto e diretto dal regista tibetano Pema Tseden ha trama e sceneggiatura semplici ed essenziali come l'ambiente in cui la storia ha luogo. 


Una troupe televisiva si reca in un villaggio remoto del Tibet per documentare un evento eccezionale: un leopardo delle nevi rinchiuso in un recinto. L'animale, schivo e inafferrabile, è entrato di notte nel recinto delle pecore di un pastore uccidendo nove montoni. La famiglia del pastore è divisa su come agire: il primogenito tiene rinchiuso il predatore misterioso e vorrebbe ucciderlo o quanto meno ricevere un risarcimento in denaro dallo stato per il danno subito; il padre e il secondogenito – un monaco con la passione per la fotografia e un legame speciale col leopardo delle nevi, raccontato da alcuni flashbacks onirici in bianco e nero – desiderano la libertà della belva, in quanto sacra e in via di estinzione.


Una scena del film
Una scena del film

Questa visione contrastante sulla sorte del leopardo (prigionia o libertà? morte o vita?) è accompagnata da tante altre dicotomie: modernità e tradizione, presente e passato, uomo e natura, tecnologia e misticismo, realtà e fiaba. Animato dal tentativo di trovare un punto di intersezione tra queste rette apparentemente parallele, il film ruota interamente attorno a questa decisione. Ma in fin dei conti il dilemma a cui lo spettatore assiste (e che lui stesso è portato a porsi) durante la visione non è tanto un problema etico, bensì una questione di carattere estetico. Un animale ne ha uccisi altri nove, e se fosse stato un lupo non ci sarebbe stato il benché minimo dubbio sul da farsi; ma è un leopardo delle nevi, e il dubbio si pone eccome, perché è un animale “bello” (nella misura in cui al “bello” si affiancano inscindibilmente il “bene” e il “sacro”). Nella cultura locale il leopardo è oggetto di venerazione e in lui vive lo spirito delle montagne. Per la legge è una specie protetta: tutto ciò in virtù della sua bellezza.

Più che «una storia di uomini e animali che riescono a convivere insieme», come si legge nella sinossi ufficiale dell'opera, è un film su come l'uomo sia disposto a lottare tenacemente per le cose a cui tiene, che si tratti di giustizia o di bellezza.


*Vincitrice Premio Carabba 2023



Xue bao (Il leopardo delle nevi)

Cast & Credits



La locandina

Cast & credits

Titolo 
Xue bao (Il leopardo delle nevi)
Origine 
Cina
Anno 
2023
Durata 
109'
Colore 
Regia 
Pema Tseden
Interpreti 
Jinpa
Xiong Ziqi
Tseten Tashi
Losang Choepel
Genden Phuntsok
Kunde
Dang Haoyu
Jikba
Gatu Tashi
Dechen Yangdzom
Chungchen
Produzione 
Mani Stone Pictures (Tsemdo Thar), Beijing Nanji Film, Dzona Pictures
Scenografia 
Daktse Dundrup
Sceneggiatura 
Pema Tseden
Montaggio 
Jin Di
Fotografia 
Matthias Delvaux
Effetti speciali 
Zhan Hansu, Zhang Beipeng, Fang Xiaobin
Suono 
Durkar Tserang
Musiche 
Durkar Tserang