drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

20.000 especies de abejas (20,000 Species of Bees) / Mal viver (Bad Living) / Roter Himmel (Afire)

La redazione
  20.000 especies de abejas (20,000 Species of Bees) / Mal viver (Bad Living) / Roter Himmel (Afire)
Data di pubblicazione su web 21/02/2023  

20.000 especies de abejas (20,000 Species of Bees) 

Un bambino di otto anni soffre perché le persone continuano a rivolgersi a lui in modi che causano disagio: insistono a chiamarlo con il nome di nascita Aitor. E anche il soprannome Cocó, pur essendo ovviamente meno sbagliato, non gli piace. Durante un’estate nei Paesi Baschi, il bambino confida queste preoccupazioni a parenti e amici. Ma come può una madre gestire la ricerca di identità del figlio quando lei stessa è ancora alle prese con la propria ambivalente eredità genitoriale? 

L’opera prima del regista basco Estibaliz Urresola Solaguren è un dramma solare. Quest’opera meravigliosamente sensibile è sostenuta dalle interpretazioni strazianti dell’esordiente Sofía Otero nel ruolo della bambina in cerca di un nome e di Patricia López Arnaiz in quello della madre, combattuta ma amorevole. Ma proprio come una moltitudine di api assicura la diversità della natura, i ruoli di supporto non sono meno essenziali per l’eroina del film, e un ambiente prevalentemente femminile le mostra alcuni dei diversi modi in cui è possibile essere una donna. Adottando più di un punto di vista, Urresola rispetta l’incredibile complessità dell’identità di genere e tocca un aspetto forse meno ovvio della transizione: la mentalità. 

Proiezioni:

mercoledì 22 febbraio, ore 15:30, Berlinale Palast 

giovedì 23 febbraio, ore 12:30, Zoo Palast 1 

giovedì 23 febbraio, ore 18:30, Verti Music Hall 

sabato 25 febbraio, ore 12:30, Zoo Palast 1 

domenica 26 febbraio, ore 20:30 Berlinale Palast

Una scena di 20.000 especies de abejas
© Gariza Films, Inicia Films 

Estibaliz Urresola Solaguren 

Nata a Bilbao, in Spagna, nel 1984, ha studiato comunicazione audiovisiva all’Università dei Paesi Baschi, poi montaggio alla Escuela Internacional de Cine y TV di Cuba e regia all’ESCAC di Barcellona. Il suo primo lungometraggio documentario, Voces de papel, è stato presentato in anteprima a San Sebastián. Dal 2011 ha realizzato una serie di cortometraggi che sono stati proiettati in festival di tutto il mondo. Il suo ultimo cortometraggio, Cuerdas, ha ricevuto il Rails d’Or a Cannes, ha vinto il premio come miglior cortometraggio ai Premi Forqué ed è candidato ai Premi Goya 2023. 20.000 especies de abejas è il suo primo lungometraggio.

 

Mal viver (Bad Living) 

Cinque donne gestiscono un vecchio albergo, cercando di salvarlo dall’inesorabile decadenza. Su di loro pesa un conflitto di lunga data, forse irreparabile: sono madri incapaci di amare le loro figlie, che a loro volta non riescono a essere madri. Quando la giovane Salomé arriva all’hotel, le vecchie ferite si riaprono. In bilico tra il risentimento e la ricerca di una via d’uscita, la madre, Piedade, prende una decisione drastica. 

Jo„o Canijo costruisce uno spazio che sembra assorbire gli stati d’animo dei personaggi. Come in un’opera di Strindberg o in un film di Rivette, le immagini scure e i colori crepuscolari riflettono la natura rituale dei gesti e la complessità delle relazioni. Cosa siamo e cosa diventiamo quando il passato incombe e il presente sembra non offrire vie d’uscita? Canijo non fornisce una sola risposta, ma moltiplica i punti di vista, creando una struttura che tiene conto delle diverse interpretazioni del tempo e dello spazio e degli esseri umani che li attraversano. 

Proiezioni: 

mercoledì 22 febbraio, ore 22:00, Berlinale Palast 

giovedì 23 febbraio, ore 12:00, Verti Music Hall 

venerdì 24 febbraio, ore 18:45, Verti Music Hall 

sabato 25 febbraio, ore 09:30, Zoo Palast 1 

domenica 26 febbraio, ore 20:30 Haus der Berliner Festspiele

Una scena di Mal viver 
© Midas Filmes 

Jo„o Canijo 

Ha iniziato la sua carriera come assistente alla regia per Manoel de Oliveira, Wim Wenders, Alain Tanner e Werner Schroeter. Il suo primo lungometraggio TrÍs menos eu ha aperto il Festival Internazionale del Cinema di Rotterdam del 1988. Da allora ha realizzato oltre dieci lungometraggi che sono stati regolarmente presentati nelle selezioni ufficiali di Cannes, Venezia e Toronto. Sangue do meu sangue ha vinto premi come il FIPRESCI a San Sebastián e il Gran Premio della Giuria al Miami Film Festival. Il suo lavoro è stato premiato con retrospettive in città come Busan, La Rochelle e Buenos Aires.

 

Roter Himmel (Afire) 

Il progetto di Leon e Felix era di trascorrere l’estate insieme in una casa per le vacanze sulla costa baltica. Volevano essere lì come amici, ma anche per lavorare: uno al suo secondo libro, l’altro all’assemblaggio del suo portfolio artistico. Ma ci sono anche Nadja e Devid, che portano con sé molte vibrazioni positive. Quattro giovani che sperimentano l’amore, anche se per Leon non è facile. Il suo manoscritto incompiuto lo perseguita ovunque vada, che sia alla casa estiva o in spiaggia. Il buon umore degli altri fa spesso precipitare il suo. La visita del suo editore è imminente. Ma quando quest’ultimo arriva con la sua elegante utilitaria, la foresta inizia a infiammarsi. Piove cenere, il cielo si tinge di rosso e un dramma relazionale che fonde intensità fisica e sublimazione artistica prende una nuova dimensione. 

Questa seconda parte della trilogia di Christian Petzold, iniziata nel 2020 con Undine, è sull’insonnia e sul desiderio di amare; sullo scrivere e sull’essere letti; sull’essere nel mondo e sul lasciarsi sfuggire la vita. Un film sospeso tra simbolismo e realismo, divertente e profondamente tragico. 

Proiezioni: 

mercoledì 22 febbraio, ore 19:00, Berlinale Palast

giovedì 23 febbraio, ore 09:00, Verti Music Hall 

giovedì 23 febbraio, ore 18:30, Haus der Berliner Festspiele 

venerdì 24 febbraio, ore 18:00, Kino im Zeiss-GroŖplanetarium 

domenica 26 febbraio, ore 10:00 Berlinale Palast

Una scena di Roter Himmel 
© Christian Schulz, Schramm Film 

Christian Petzold 

Nato a Hilden, in Germania, nel 1960, ha studiato tedesco e teatro alla Freie Universität di Berlino e poi, dal 1988 al 1994, regia alla German Film and Television Academy di Berlino. I suoi film sono già stati selezionati cinque volte per il Concorso della Berlinale, da ultimo Undine nel 2020. Nel 2012 ha ricevuto l’Orso d’argento per la miglior regia per Barbara.



Berlinale 2023
(22/02)

20.000 especies de abejas
cast cast & credits
 
Mal viver
cast cast & credits
 
Roter Himmel
cast cast & credits
 




















































Estibaliz Urresola Solaguren
© Laia Lluch





























































Joao Canijo
© Joana Linda

































































Christian Petzold
© Marco Krueger, 
Schramm Film



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013