drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Due film in uno

di Sara Mamone
  Madres Paralelas
Data di pubblicazione su web 23/09/2021  

Oltre alle madri del titolo, ci sono quasi due film paralleli nell’ultima opera di Almodóvar, pienamente almodovariana nel nucleo principale e un po’ posticcia nella cornice di diretto impegno politico. La trama aiuta a capire. Janis (Penelope Cruz), fotografa di moda giunta dalla provincia, cerca il modo per far riaprire la tomba del nonno, assassinato, insieme a molti altri compaesani, durante la guerra civile. Trova l’appoggio di un giovane storico (Israel Elejalde) che la sostiene nel trovare i fondi e le autorizzazioni necessarie. Poiché il politico è privato i due finiscono a letto e Janis si trova, ai limiti dell’età sinodale, incinta e appagata. Il fecondatore è, naturalmente, sposato, incasinato e in fuga. Nessun problema. L’attempata puerpera partorirà con gioia, affiancata in clinica a una ben diversa compagna di stanza Ana (Milena Smit): giovanissima, spaventata, riottosa.

Una scena del film
Una scena del film

Per Janis si prospetta dunque una specie di duplice maternità, essendo la quasi adolescente dotata di madre fragile e inaffidabile (Aitana Sánchez Gijón). Del padre meglio tacere. Il ritorno alla vita normale allontana un po’ le due donne che non mancheranno di ritrovarsi per caso riprendendo il filo di un’attrazione che non era solo materna. La tragedia della morte in culla della figlia di Ana si trasforma nel melodramma del più puro Almodóvar con la rivelazione dello scambio in culla (una sorta di aggiornamento della novella-mito pirandelliana del figlio cambiato) che sconvolge i dolori e ne capovolge le gerarchie. Offesa dalla tardiva rivelazione dello scambio, che consente a Janis pur nella disperazione di godere ancora un po’ della figlia “rubata”, Ana fugge con la bambina finalmente sua, sostenuta da una madre finalmente matura e pentita. Con qualche salto temporale l’epilogo, dopo una ripresa delle indagini per il recupero del corpo del bisnonno, vede una nuova comunità assistere allo scoprimento della fossa comune. Ana con la mamma e la bambina, Janis finalmente riunita al suo compagno di una notte e, soprattutto, di nuovo felicemente incinta.

Una scena del film
Una scena del film

In conclusione Almodóvar vuol dirci a modo suo che tutto sembra andare a posto quando alla menzogna si sostituisce la verità. Se questo funziona egregiamente nelle vicende personali l’assunzione di impegno politico pare un po’ marginale (e in effetti lo è anche nel distendersi della trama dove occupa il posto del prologo e dell’epilogo). Al di là di un leggero disagio (ma forse solo sorpresa) nel vedere un Almodóvar politicamente impegnato in modo diretto, non si può che godere di una ennesima prova vitale e curiosa, splendidamente sostenuta dalle due protagoniste e da tutto il coro delle donne (Rossy de Palma, amica e confidente di Janis; le anziane superstiti che tengono vivo il ricordo del passato). Gli uomini sono pallide comparse ma non si può certo accusare Almodóvar di essere à la page. La sua storia parla per lui. È semmai la realtà che si sta facendo sempre più almodovariana. L’artista prefigura la realtà e ne viene superato. Finiremo col considerarlo un autore neorealista.       



Madres Paralelas
cast cast & credits
 


La locandina del film

 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013