Scusate le spalle

di Caterina Nencetti

Data di pubblicazione su web 18/01/2014

La coscienza di Zeno

 

Quando, nell'ultimo decennio dell'Ottocento, Italo Svevo pubblica i suoi primi romanzi, Una vita (1892) e Senilità (1898) rimbalzano silenziosi sul muro indifferente della critica. L'assist promotore di Eugenio Montale e James Joyce evita a La coscienza di Zeno (1923) lo stesso risultato. Nei libri di scuola si legge che i tempi erano ormai cambiati, il gusto del pubblico mutato e le opere sveviane potevano essere a quell'altezza cronologica, finalmente, capite.

 

Questi stessi manuali, da sempre, fanno a gara per spiegarci Zeno Cosini e le sue avventure. Così è! - sembrano dire - e se vi va di leggerlo, ben venga altrimenti basta che ricordiate due comode chiavi di lettura: inettitudine e psicanalisi. Conclusione, provocatoria, è ovvio: nessuno la legge.

 

Da questo punto di vista, il regista Maurizio Scaparro e Tullio Kezich, autore dell'adattamento drammaturgico, riescono laddove la critica letteraria ha fallito: nella promozione dell'opera. Almeno questa volta (diciamo pure: ancora una volta) il teatro vince, soccorre la prosa letteraria. La sala della Pergola è piena di giovani che forse dopo, ci auguriamo, apriranno anche il libro.

 


Giuseppe Pambieri nei panni di Zeno (Foto di Angelo Redaelli)
 

Lo spettacolo ci presenta Giuseppe Pambieri protagonista delle avventure di Zeno che è “a vicenda” sano e malato, vittima e colpevole, sincero e bugiardo. E chi meglio di un attore potrebbe mostrarci le contraddizioni del proprio ruolo e di quelli assegnatigli da altri? Chi più di lui si inganna e ci inganna presentando per vero ciò che tutti sappiamo fasullo? Quale arte, se non il teatro, ha l'obbligo di preoccuparsi del pubblico, dell'immediato e della riuscita? Così, all'inattendibilità del narratore Zeno si somma quella dell'attore e del mondo teatrale in cui vive. Ai rischi della scrittura, alla sua ricerca di consenso si aggiunge la grande incognita del palco, di chi ogni sera ci gioca la sua partita.

 

Ecco che l'allestimento di Scaparro si apprezza per le sue scelte di comprensibilità. Tagliati quasi tutti i riferimenti più “cervellotici”, via i capitoli prettamente tematici (come quello sul fumo) i cui leitmotive sono disseminati nello svolgersi della rappresentazione, pochi sogni, diversi e inevitabili monologhi al pubblico e predilezione per gli episodi narrativi.

 

Un bravo Francesco Wolf impersona l'antagonista Guido Speier e la sua scapataggine ben si presta a sottolineare, di contro, la caratteristica di Zeno attorno alla quale tutto lo spettacolo ruota e su cui regista e attore puntano: l'ironia. Qualità già presente nello Zeno di carta, l'ironia è pressoché l'unica dello Zeno in carne ed ossa, decisamente quella dominante. Scelta più o meno condivisibile, che va a scapito della poliedricità del personaggio, della sua singolarità e profondità. Troppo epurato dei suoi vizi, della sua vigliaccheria e meschinità? Forse sì. Sta di fatto che Pambieri e quel suo fiocchettino ci risultano quasi amabili. Zeno e la sua verbosa coscienza ci fanno sorridere. Chi l'avrebbe mai detto!


La coscienza di Zeno

Cast & Credits



Giuseppe Pambieri (Foto di Angelo Redaelli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 


Giuseppe Pambieri (Foto di Angelo Redaelli)


 

Cast & credits

Titolo 
La coscienza di Zeno
Data rappresentazione 
16 gennaio 2014
Città rappresentazione 
Firenze
Luogo rappresentazione 
Teatro della Pergola
Titolo testo d'origine 
La coscienza di Zeno
Adattamento 
Tullio Kezich
Autori testo d'origine 
Italo Svevo
Regia 
Maurizio Scaparro
Interpreti 
Giuseppe Pambieri (Zeno Cosini)
Giancarlo Condé (Il dottor Coprosich/Enrico Copler)
Francesco Wolf (Guido Speier)
Raffaele Sincovich (Luciano)
Anna Paola Vellaccio (La signora Malfenti)
Antonia Renzella (Augusta Malfenti)
Guenda Goria (Ada Malfenti)
Margherita Mannino (Alberta Malfenti)
Silvia Altrui (Anna Malfenti)
Nino Bignamini (Il dottor S./Giovanni Malfenti)
Marta Ossoli (Carla Greco)
Produzione 
Teatro Carcano di Milano
Scenografia 
Lorenzo Cutùli
Costumi 
Carla Ricotti
Musiche 
Giancarlo Chiaramello
Note 
Assistente alla regia: Vincenzo Albano.