drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Americani si nasce

di Alessia Fermi
  Ringling Bros.  and Barnum & Bailey
Data di pubblicazione su web 04/11/2009  

Per la prima volta nella sua storia (ben 139 anni) il più grande e blasonato circo americano è approdato in Italia, dividendosi nei suoi dieci giorni di permanenza tra Roma e Milano. Il “più grande show della Terra”, come è definito lo spettacolo durante la caotica e frizzante parata iniziale, non (solo) per megalomania tipicamente americana, ma come omaggio ad una tradizione che nasce nel 1786 (anno in cui il mitico Phineas Taylor Barnum inizia a chiamare così il suo mastodontico circo), ha riempito di allegria, meraviglia e, indiscutibilmente, di qualità performativa, il Palalottomatica di Roma e il Palasharp di Milano.

Una volta scansata la tentazione di rimpiangere caratteristiche tipicamente italiane (o meglio “orfeiane”) del circo, non ultimi lo chapiteau così evocativo, lo speaker che introduce e spesso commenta i numeri, la pausa lunghissima tra la prima e la seconda parte dello show che permette l’allestimento della gabbia per le tigri (autentico spettacolo nello spettacolo, liquidato dagli americani in pochissimi minuti e da una struttura “ad incastro” a occhio e croce più pratica e funzionale della gabbia a comparsa degli Orfei), il circo Ringling Bros. and Barnum & Bailey cattura e convince, con esibizioni che lasciano spesso a bocca aperta, e intermezzi comici assolutamente  accattivanti. E proprio da quest’ultimi riteniamo si debba partire per mettere in evidenza uno dei punti di forza dello show: anche a giudicare dall’intensità degli applausi ricevuti, non di rado mescolati ad autentiche ovazioni, la vera star dello spettacolo è stato il clown tuttofare che di tanto in tanto è comparso sulla scena non soltanto per riempire spazi e tempi opportuni, ma anche per meravigliare con le sue poliedriche abilità. Giocoliere, acrobata, equilibrista, l'artista ha impressionato e divertito con i suoi gag a cavallo di una bicicletta scomponibile, trasformata di volta in volta in automobile, monociclo, cumulo di rottami. Altri due augusti (antico nomignolo dei pagliacci colorati e maldestri, contrapposti al  più elegante e composto clown bianco) hanno invece divertito con una comicità per noi insolita, fondata sulla sincronizzazione di suoni con gesti che molto ricordano la slapstick comedy: così il clown che cerca di portare via dalla pista un pannello di legno fa ridere non soltanto perché mentre lo fa urta e fa cadere due inservienti, ma anche perché si sente un simpatico “boing” che accentua l’effetto comico del gesto. Difficile non farsi venire in mente i gag di Tom e Jerry.

Per quanto riguarda invece i numeri veri e propri, si può dire che quasi tutti sono stati all’altezza delle aspettative: di ottima qualità la performance dei giocolieri-comici, che con il loro numero dinamico e frizzante, hanno dato prova di una grande intelligenza scenica, oltre che di talento nell’arte della giocoleria con le clave; altrettanto convincente il numero dell’illusionista, che nonostante abbia proposto due dei più classici numeri di magia la scomposizione in pezzi e  l'attraversamento con lame di una delicata fanciulla è riuscito ancora una volta a meravigliare. Originali e ben riusciti i numeri delle moto da cross in una grande sfera d’acciaio e delle prove di precisione con una balestra, mentre non ha convinto la performance un po’ insicura dell’artista impegnato con un grande attrezzo rotante che lo portava a diversi metri di altezza.

Un capitolo a parte dovrebbe essere scritto sui numeri che hanno coinvolto degli animali (in tutto tre):  sono ormai di dominio pubblico le proteste di Lav e Enpa contro il RBBB Circus per il presunto maltrattamento  degli animali impiegati nello show; qualora le accuse abbiano un fondamento e un riscontro oggettivo nella realtà, tale deplorevole comportamento non può che trovare condanna immediata da parte di tutti; la situazione cambia e assume sfumature diverse se gli animali sono trattati nel pieno rispetto delle norme: in questo caso, il contenzioso riguarda l’opportunità e la giustezza dell’impiego di animali in esibizioni e contesti che li costringono a compiere movimenti completamente estranei alla loro natura, per uno scopo che, alla fine dei conti, è solo commerciale. Nello spettacolo si sono esibiti cinque cani bassotti, addestrati davvero molto bene, quattro leoni e due leonesse (che hanno fatto molto poco, a parte mostrarsi agli occhi degli spettatori in tutta la loro maestosità)e tre elefanti, cuore e simbolo della protesta animalista, che invece hanno dovuto sollevarsi sulle zampe posteriori, sdraiarsi e girare ripetutamente su se stessi. Volendo aggrapparsi all’alibi della tradizione antichissima, che ha visto l’impiego (esclusivo) degli animali ai suoi arbori, risulta comunque difficile non rimanere colpiti dalla gratuità dei tacchetti utilizzati dalla ragazza che si è arrampicata sopra le teste dei due pachidermi per poi esibirsi in una prodigiosa spaccata.

Al di là di un giudizio morale, che avrebbe bisogno di uno spazio a parte, lo spettacolo è scivolato via nelle sue due ore gradevole e frizzante, all’altezza della sua storia centenaria.

Il circo Ringling Bros. and Barnum & Bailey
cast cast & credits
 



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013