drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Una vera fiaba moderna

di Marco Luceri
  Una scena del film
Data di pubblicazione su web 29/08/2008  

Nella ridente e sicura italietta di oggi, quella dei sindaci sceriffi, quella che consente al suo Ministro dell'Interno di farsi promotore di proposte di legge che permetterebbero alle questure di schedare le impronte di tutti i bambini rom (razza evidentemente inferiore e da tenere a bada), l'ingenuo film di Marco Pontecorvo, figlio del compianto Gillo, PA-RA-DA, che ha aperto quest'anno la sezione Orizzonti, potrebbe sembrare quasi sciocco o tremendamente fuori tempo, se non addirittura pericolosamente marxista-leninista.

Peccato che questo film, tutt'altro che eccezionale, intendiamoci, si riveli un'opera profonda, matura, dal valore civico indiscutibile e che si spera venga presto distribuita nelle sale italiane, in modo da far capire, una volta tanto anche grazie al cinema, quanto le tragedie della quotidianità siano lontane dalla demagogia dei tromboni della politica. Proprio per eliminare il campo da equivoci, PA-RA-DA racconta la storia vera del clown franco-algerino Milhoud (interpretato da un ispiratissimo Jalil Lespert) che nel 1993 arrivò nella Romania post-Ceaucescu e cercò, con successo, ma tra difficoltà immani, di recuperare alla vita un gruppo di bambini, detti “bosckettari”, che vivevano abbandonati a se stessi nei tombini vicino alla stazione di Bucarest.

Mostrando la condizione allucinante di un paese completamente allo sfascio, dove questi bambini si drogavano sniffando colla, si prostituivano, rubavano e venivano violentati anche da una polizia corrotta e collusa con la malavita, Pontecorvo narra la storia di un percorso di salvezza, della rinascita dolorosissima alla vita di questo gruppo di ragazzini che da topi di fogna riacquistano la dignità umana. È grazie all'eroismo di Milhoud che mettono in piedi una e vera e propria compagnia circense, portando in scena uno spettacolo prima nella piazza di Bucarest, poi, come ci informano le didascalie che precedono i titoli di coda, in tutta l'Europa. È, quella raccontata nel film, una storia straordinaria di come virtù ormai rare nel mondo di oggi come l'amicizia, la solidarietà e la speranza, riescano a vincere sulle miserie umane della storia.

Pontecorvo, che ha dedicato il film alla memoria del padre, da sempre in prima linea nella difesa di un'idea di cinema civile e impegnato, ha saputo dirigere l'opera egregiamente, dosando alla perfezione sia la durezza estrema e allucinante di una Romania violenta e barbarica sia i momenti edificanti di sorrisi e speranze stampati sui volti (straordinari) di questi bambini carichi di umanità. Un mix eccellente che conduce verso il pathos finale senza sbavature, e senza concedere nulla in termini di banalità e scenette edificanti. Non c'è niente di naïf, dunque, in PA-RA-DA, se non la strana sensazione che si avverte quando si esce dalla sala, quella cioè di aver assistito a un film che parla in maniera originale e priva di retorica di quanto sia problematica, ma al contempo essenziale, oggi, l'integrazione di gruppi sociali marginali all'interno delle società occidentali. È possibile che una volta tanto la realtà sia più bella di una fiaba?

Ci piacerebbe tanto fosse così. Ci piacerebbe.





PA-RA-DA
cast cast & credits
 






 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013