drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Sette minuti

di Marco Luceri
  Do visìvel ao invisìvel
Data di pubblicazione su web 28/08/2008  

Dura appena sette minuti il cortometraggio che Manoel de Oliveira ha “donato” alla Mostra di Venezia, di cui è ormai da tanti anni un infaticabile habitué. Sette minuti di un work in progress, di un lungometraggio ancora in fase di realizzazione e che si preannuncia, forse, come una di quelle opere definitive che chiudono il cerchio su una cinematografia che continua a viaggiare splendidamente attraverso la storia del cinema.

Sette minuti che ci restituiscono il sapore del cinema, quello vero, che si sa nascondere anche dietro l'uso di “nuove” tecnologie come il video e che incanta ancora attraverso lo stupore iniziale di essere macchina di rappresentazione di qualsiasi contemporaneità.


Il regista sul set
Il regista sul set


Sette minuti che narrano l'incontro tra due vecchi amici per le strade brulicanti di una San Paolo catturata in una splendida mattina d'estate. I due, disturbati nella loro conversazione dallo squillare senza tregua dei loro cellulari, decidono di parlarsi attraverso di essi, per conversare senza interruzione sulla salvezza del mondo.

Splendida e semplicissima parabola allegorica sull'incomunicabilità del mondo moderno, il cortometraggio riflette in maniera diretta su quanto la solitudine umana sia forte in un tempo in cui la comunicazione tecnologica permette di arrivare a chiunque e dovunque. Un piccolo squarcio, insomma, su quello che sarà il film Mondo invisibile, che contiene già in nuce le premesse per essere un capolavoro. E il cinema che compito può avere in tutto questo? Forse ancora quello di farci spalancare gli occhi, con la sua forza destabilizzante, di fronte all'inesorabile (forse) ascesa di un mondo in cui la tecnica ha preso il definitivo sopravvento anche sui sentimenti.

L'unica via di salvezza può essere il ritorno dal visibile all'invisibile? Dal pixel all'ignoto? Aspettiamo.






Do visìvel ao invisìvel
cast cast & credits
 
 

 
 


 
Il regista portoghese Manoel de Oliveira
Manoel de Oliveira









 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013