drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Mostre | Varia | Televisioni | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

«Sono in ogni nota che ho curato, esisto in ogni nota insieme alle mie sorelle e fratelli» (Ezio Bosso) Musica

Era il febbraio del 2016 quando Ezio Bosso incantò tutta Italia eseguendo Following a Bird durante la seconda serata del 66º Festival di Sanremo. La composizione per piano solo, punta di diamante dell’album The 12th Room pubblicato a ottobre 2015, consacrò il musicista al grande pubblico ed è difficile, ascoltandola oggi, non tornare con la mente a quell’esecuzione che commosse i musicisti dell’Ariston e tenne inchiodati i telespettatori allo schermo.

D’altronde, Bosso amava ripetere che la musica si può fare solo in un modo: insieme. E di questa prossimità – che ogni musicista impara a conoscere a un certo punto del proprio percorso – si nutriva anche il suo lavoro di direttore d’orchestra, tra sguardi complici e sorrisi dall’enorme forza comunicativa.

È la stessa empatia che lo portava a chiedersi, in una delle sue ultime apparizioni televisive a Propaganda Live del 10 aprile 2020, «come va per gli altri», come va nel nostro paese, per chi è senza lavoro e per i colleghi del mondo dello spettacolo, duramente colpiti dall’emergenza sanitaria che ha fermato tutto negli ultimi mesi.

Nel corso della sua carriera aveva collaborato con le più prestigiose istituzioni musicali, come la Royal Festival Hall di Londra, la Sydney Opera House, il Teatro Regio di Torino e il Carlo Felice di Genova. Di fianco alla direzione d’orchestra, la sua attività compositiva è stata ricca e prolifica: ha scritto anche musiche per film, collaborando in particolar modo con Gabriele Salvatores per le colonne sonore di Io non ho paura (2003), Quo Vadis, Baby? (2005) e Il ragazzo invisibile (2015).

Si è spento il 15 maggio a Bologna, nel corso della pandemia che lo ha tenuto lontano dalla sua orchestra. Rimane, come ha scritto Paolo Fresu, il suo sorriso intenso. E l’insegnamento che la musica può essere davvero una terapia, «un accompagnamento a un mondo migliore» (Bosso, Propaganda Live, puntata del 10 aprile 2020).



 
.
Ezio Bosso in concerto

 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013