drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

Gysbreght van Aemstel di Joost van den Vondel, edizione critica, traduzione, fortuna a cura di Simona Brunetti e Marco Prandoni, Bari, Edizioni di pagina, 2018 Libri

Il volume curato da Simona Brunetti e Marco Prandoni propone in edizione critica e in traduzione italiana la tragedia Gysbreght van Aemstel di Joost van den Vondel (1587-1689). Testo capitale del Seicento olandese, Il crollo di Amsterdam fu ideato e rappresentato per l’inaugurazione dello Schouwburg sul Keizersgracht (1637-1638), il primo teatro in pietra della Repubblica delle Sette Provincie Unite (oggi Paesi Bassi), progettato da Jacob van Campen e ispirato al Teatro Olimpico di Vicenza. 

Il suo successo fu indiscutibile. Entrato stabilmente nel 1641 nei repertori teatrali di Amsterdam, il dramma divenne un appuntamento consueto per capodanno: imperdibile per la città, era un banco di prova per i migliori allestitori e interpreti neerlandesi. Almeno fino al 1968, quando il rinnovamento dei cartelloni fece calare un sostanziale silenzio sulla tragedia, salvo qualche isolato tentativo di ripresa da parte di registi del calibro di Hans Croiset (1988) e Ab Gietelink (2003). Nel 2012, grazie alla compagnia Het Toneel Speelt di Ronald Klamer, il tradizionale appuntamento di capodanno è stato ripristinato. 

Nonostante la secolare presenza sulle scene olandesi, Gysbreght van Aemstel è poco nota in Italia. Opportuna dunque questa pubblicazione, che colma un vuoto nelle nostre conoscenze sulla drammaturgia del Secolo d’Oro dei Paesi Bassi. Utili anche gli approfondimenti critici, dedicati al contesto storico e spettacolare, ai suoi modelli letterari e teatrali e ad alcuni momenti della sua fortuna scenica, fino alla ricordata ripresa di Klamer e del suo dramaturg Laurens Spoor.

                                                                    di Lorena Vallieri


Trascriviamo l’Indice del volume:

Premessa 


Introduzione

Non c’è arte senza ostacoli.

Sulla vitalità del “Gysbreght van Aemstel” di Vondel

di Ronald Klamer


Joost van den Vondel

Gysbreght van Aemstel

La caduta della città e l’assedio


Traduzione italiana

Nota

Testo della traduzione


Edizione critica

Nota filologica

Testo dell’edizione

Postille


Studi

Un mosaico di voci in scena e sulla pagina.

Storia, memoria, modelli culturali


Un angelo sanguinante tra le macerie di Amsterdam.

Macchine sceniche e nuovi cori per un allestimento del XXI secolo


«Ah, sì, dev’essere Vondel!». Come tradurre l’olandese in olandese

di Laurens Spoor


Bibliografia


Appendice

“Gysbreght” adattato al tempo e ai costumi: allestimenti settecenteschi

di Anna de Haas

Addenda


                                                            


 
.

256 pp.
(con ill. in b/n e a colori)

euro 24


 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013