drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

Girolamo Bartolommei, Didascalia cioè dottrina comica libri tre (1658-1661). L’opera esemplare di un “moderato riformatore”, a cura di Sandro Piazzesi, Firenze, FUP, 2016 Libri

Segnaliamo la recente pubblicazione (Firenze University Press) della prima edizione critica moderna della Didascalia cioè dottrina comica libri tre (1658-1661), summa delle riflessioni teoriche del drammaturgo e poeta fiorentino Girolamo Bartolommei. Il volume è il risultato di un lavoro di ricerca condotto dal curatore Sandro Piazzesi a partire dal 2008 nell’ambito del dottorato in Storia del teatro e dello spettacolo dell’Università di Firenze.  
 
L’interesse teorico per il trattato del Bartolommei ha una lunga tradizione storiografica. Già Ferdinando Taviani (La Commedia dell’Arte e la società barocca. La fascinazione del teatro, Roma, Bulzoni, 1969) aveva messo in valore come quest’opera da un lato riconsiderasse le più importanti problematiche sulla natura della commedia cinquecentesca, dall’altro ne prefigurasse alcuni dei più significativi sviluppi del secolo successivo. Bartolommei è un drammaturgo-letterato a tutto tondo, la cui produzione spazia tra lirica, epica, librettistica musicale e drammi stricto sensu. Pienamente inserito nei circoli accademici più importanti dell’epoca, a Firenze come a Roma, fu uno dei principali fautori della riforma poetica di impronta didattico-allegorica voluta dal pontefice Barberini.   
 
A un inquadramento generale dell’opera nel quadro della speculazione teorica sul teatro nel clima della Firenze urbaniana è dedicato il saggio introduttivo (parte prima), che riflette sull’ideale di nuova “età dell’oro” cristiana in auge nei maggiori circoli culturali dell’epoca in cui la Didascalia si inserisce. Quanto all’edizione critica (parte seconda), è basata sulle due fondamentali edizioni del trattato: la princeps del 1658 e la seconda ampliata del 1661. L’apparato al testo dà conto delle principali varianti che intercorrono tra tali versioni, che consistono principalmente nella aggiunta nel 1661 di quattro capitoli nel secondo libro e soprattutto nel supplemento di tredici abbozzi di commedie che intendono fornire al lettore esempi pratici dell’idea di commedia bartolommeiana.   

                                                                     di Marcello Bellia

Di seguito riportiamo l’Indice del volume:   
 
Premessa   
 
Avvertenza   
 
Parte I. Saggio Introduttivo. Girolamo Bartolommei: L’opera esemplare di un “moderato riformatore”   

-       1: Profilo biografico 
-       2: La fortuna critica  
-       3: L’opera di un letterato al secolo di Urbano VIII
-       4: Regesto delle opere 
-       4.1: I manoscritti 
-       4.1: Le stampe 
-       5: La Didascalia: Un vademecum di progetti e di fabulae 
-       5.1: Le dedicatorie 
-       5.2: Le fonti 
-       5.3: Il Primo Libro 
-       5.4: IL Secondo Libro 
-       5.5: Annotazione al Terzo Libro   

Parte II. Didascalia cioè dottrina comica libri tre: Edizione critica   
 
Note all’edizione   
 
Le stampe del 1658 e del 1661   
 
Il testo edito   
 
Grafie e forme   
 
Interpunzione   
 
Apparato critico   
 
Sigle e abbreviazioni bibliografiche   
 
Indice dei documenti d’archivio e manoscritti   
 
Indice delle fonti della Didascalia   
 
Indice dei nomi della Didascalia 


 
La copertina
482 pp., euro 19,90

ISBN
 9788864534893
 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013