drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai

Cristina Jandelli, L’attore in primo piano. Nascita della recitazione cinematografica, Venezia, Marsilio, 2016 Libri

Vincitore del XV Premio Limina come migliore pubblicazione italiana di studi sul cinema del 2016, il volume di Cristina Jandelli indaga l’attore e la recitazione in uno dei momenti più affascinanti ed enigmatici della storia del cinema: quello che va dalle origini sino agli anni Trenta, prima che l’introduzione del sonoro ridefinisse le regole del mestiere. E lo fa attraverso la ricognizione dell’inquadratura più dibattuta del linguaggio filmico, il primo piano, analizzata dal punto di vista dell’interprete che presta il proprio volto all’investigazione ravvicinata della macchina da presa. 

Molte le domande a cui l’autrice cerca di rispondere. Cosa pensavano quei primi dilettanti “muti” che si accalcavano nei teatri di posa per prestare il proprio volto a sberleffi e acrobazie, a scenette quotidiane e situazioni classiche del teatro dell’arte, fino all’apostrofe al pubblico, che corrisponde allo sguardo in macchina nelle brevi inquadrature di smorfie? Come si ponevano quegli attori non più (e non ancora) attori in quanto privati di un copione da declamare, ma anche delle altre componenti dello spettacolo, pubblico in primis? E ancora, come riuscirono alcuni di quei dilettanti a diventare delle vere e proprie star (basti pensare a Rodolfo Valentino)? In che modo il gesticolare senza parole divenne un atto cosciente, addirittura un momento di autopromozione? In altre parole: come nacque l’attore cinematografico? 

Le risposte si dipanano attraverso quattro capitoli, anzi, «quattro tempi» (p. 12), di una storia che narra la presa di consapevolezza da parte dell’attore di come, «grazie alla ripresa ravvicinata sul volto, ottiene la massima attenzione esponendosi a un’ardita vicinanza con il mondo interiore dello spettatore attraverso la mediazione del personaggio» (p. 11). Ma Jandelli non trascura le altre sfumature della storia, come quella della sofferenza di tante dive che non riuscirono a trovare il loro ruolo nella società – basti pensare alla tragica vicenda di Ruan Lingyu, cui è dedica la copertina del volume – o della capacità delle ideologie, della crisi economica e delle dittature, di disciplinare il potere del nascente cinema. 

Lorena Vallieri

INDICE

Introduzione

Affacciati. Alle origini di un piano rivoluzionario

     Esibirsi e recitare

     Partiture gestuali

     Pose

     I mille volti dello spettacolo

     I primi piani delle origini

Alla conquista del primo piano. Dal mostrarsi al raccontare

     La calma

     Limiti

     Pratiche di set

     Un trattamento speciale

     Il tramonto del grande attore

Corpi estranei. Lezioni di stile

     L’attore slapstick

     Le traiettorie dell’eleganza

     Una tenebrosa in primo piano

     Stili a confronto

     Il fantasma della bellezza

Parti mancanti. Volti cinematografici degli anni venti

     Fisiognomica

     Lillian e Renée, o Lucy e Jean

     Nadia

     Lulu, un personaggio per due

     Ruan/Wei, il dolore e la perdita

 

Nota al testo

Bibliografia

Indice dei nomi e dei film 



 
.

192 pp., euro 12,50

ISBN:
978-88-317-1896-7


 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013