drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti

cerca in vai


«Duellanti», a X, n. 77 luglio-agosto 2012


€ 6.00
ISSN 1724-3580

L’interesse della redazione di «Duellanti» nei confronti dell’opera di David Cronenberg continua costantemente,  ad intervalli regolari, a manifestarsi fin dalla copertina della rivista. 

A partire dall’ “editoriale” posto in apertura, questo nuovo numero analizza l’ultimo film diretto dal regista canadese, Cosmopolis, tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore italo-americano Don DeLillo (2003). Le osservazioni di Marco Toscano, Roy Menarini, Ivan Moliterni, Luca Barnabé e Matteo Columbo si susseguono dando vita a un’ampia riflessione che pone l’accento sul processo - in questo caso non così immediato - di trasposizione cinematografica compiuta da Cronenberg. Se l’analisi del film diventa un’occasione per riscoprire un autore come DeLillo, i redattori non rinunciano a rintracciare in Cosmopolis le tracce del personalissimo percorso intrapreso del regista con la produzione dei suoi numerosi lungometraggi.

In ”incontriepercorsi”, Federico Pedroni ripercorre insieme a Daniele Vicari la genesi e le soluzioni che stanno alla base di Diaz che, secondo il giornalista, presenta «una ricostruzione durissima e multi prospettica di uno dei capitoli più bui della storia italiana». Dopo un’ulteriore scheda del film, Ivan Moliterni individua nella messinscena della violenza l’elemento portante della pellicola – inteso come vero e proprio estremizzarsi della funzione scopica. Umberto Mosca prosegue la discesa negli inferi della politica italiana con l’approfondimento su Romanzo di una strage firmato da Marco Tullio Giordana.  Sempre nella stessa sezione resta da segnalare lo spazio dedicato a C’era una volta in Anatolia, diretto dal turco Nuri Bilge Ceylan; Massimo Causo e Alberto Pezzotta propongo due differenti punti di vista sul film: alla fascinazione del primo fa seguito un giudizio tra il distaccato e il sarcastico del secondo. Dopo un breve excursus sui film recentemente usciti in sala, «Duellanti» si sofferma su blockbuster come The Avengers di Joss Whedon e le due pellicole incentrate sul personaggio Biancaneve, uscite in occasione del bicentenario della versione a stampa della fiaba dei fratelli Grimm, in realtà sintomo di un’operazione furbescamente economica, che fa leva sulla potenziale fruizione di una fascia di pubblico assai ampia.

I corpi che spiccano nelle pagine seguenti sono quelli del nuovo divo Robert Pattinson  (che secondo Marzia Gandolfi continua a incarnare le diverse declinazioni dell’archetipo del vampiro) e quello di Chloë Grace Moretz - analizzato da Francesca Monti – recentemente vista in Hugo Cabret di Martin Scorsese, eroina destinata a interpretare caratteri già solidi e formati, dotati di una determinazione tale da scardinare le certezze che reggono generi e universi funzionali solitamente riservati a personaggi adulti o maschili.

Nella consueta rubrica “Portfolio”, Silvia Tozzi recensisce la mostra allestita presso la Cinématèque française di Parigi intitolata Tim Burton – L’exposition, dove si concentrano trent’anni di incubi e meraviglie ideate dal “genio” californiano.

Il doppio numero di luglio-agosto propone inoltre uno speciale intitolato “La stagione del cinema francese”, interamente dedicato al genere commedia.

Per la sezione “immaginemondo”, Carlo Chatrian desidera ricordare le opere di Leos Carax e Sergei Loznitsa, che allo scorso Festival di Cannes hanno presentato rispettivamente Holy Motors e V Tumane, ovvero le pellicole più originali e potenti in concorso.

Sempre più eterogeneo, questo numero si chiude con un’ampia dissertazione sul cinema pornografico e sul suo proliferare in era digitale, non più considerato come una legittimità sociale, bensì come forma culturale, dotata di propri linguaggi e strategie comunicative, legata a complessi rapporti di debito e prestito con altre forme culturali e mediali.




di Francesca Valeriani


«Duellanti», a X, n. 77 luglio-agosto 2012

cast indice del volume


 



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013