drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Sopravvivere a un padre

di Matteo Citrini*
  Rialto
Data di pubblicazione su web 03/09/2019  

La morte del padre squarcia la vita di Colm (Tom Vaughan-Lawlor), lasciandolo nell’incertezza e nello smarrimento. Non tanto per la perdita affettiva quanto piuttosto per il timore di morire nello stesso modo: sposato con una donna che tradisce, deluso dal figlio e circondato dalle menzogne.

Un desiderio lancinante di sincerità colpisce questo uomo di mezz’età che ha sempre vissuto e lavorato nella periferia dublinese, mediocre in tutto e sempre pronto a chiedere scusa. Non c’è amore per la moglie, né per il figlio, né forse neppure per la madre: in una sorta di contrappasso psicologico, la paura di diventare come il genitore lo spinge proprio in quella direzione. A fronte di questo crollo emotivo, nasce in lui il desiderio impellente, l’ossessione, verso il giovane Jay (Tom Glynn-Carney), ragazzo padre che per sopravvivere lavora come gigolò per uomini.



Una scena del film
 Biennale Cinema 2019

Solo le poche ore pagate che trascorrono insieme danno sollievo a Colm, per poi però ritrovarsi nella depressione più nera ogni volta che varca la soglia di casa. Non più in grado di sostenere questa situazione, Colm rivela la verità al figlio, in un gesto tanto drammatico quanto vano che non suscita altro che ulteriore disprezzo per un padre alcolizzato, pigro e indolente.

Peter Mackie Burns disegna la parabola verso l’abisso di un uomo medio, con mano lucida e crudele che però tradisce spesso inesperienza sia nello stile (stacchi e movimenti di macchina spesso ai limiti dell’accademico) sia in una sceneggiatura troppo legata al manuale (in particolare, nel sottolineare la sovrapposizione tra Colm e il padre). Spiazzando però con un finale che non sospende ma trancia proprio la scena e che lascia lo spettatore a dir poco perplesso.



Una scena del film
 Biennale Cinema 2019

Al di là del fascino del soggetto (la morte di un genitore come premonizione della propria), Rialto è un film ancora troppo acerbo e scolastico per poter competere con gli altri film in concorso nella sezione “Orizzonti”.


*Dottorando in Storia dello spettacolo presso l’Università di Firenze.
Impaginazione di Ludovico Peroni, dottorando in Storia dello spettacolo presso l’Università di Firenze.



Rialto
cast cast & credits
 

La locandina del film
La locandina del film



 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013