drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Mitten wir im Leben sind/Bach6cellosuiten

di Gabriella Gori
  Mitten wir im Leben sind/Bach6cellosuiten
Data di pubblicazione su web 19/06/2018  

È l’altra danza di Anne Teresa De Keersmaeker che riempie lo spazio vuoto del palcoscenico del Teatro della Pergola di Firenze. Un’occasione per vedere nella sua sublime nudità quel luogo deputato a tanta azione scenica e penetrarne la sua essenza più segreta.

Con Mitten wir im Leben sind/Bach6cellosuiten, ispirato alle Sei Suites per violoncello di Johann Sebastian Bach magistralmente eseguite dal vivo da Jean-Guihen Queyras, De Keersmaeker torna a Fabbrica Europa e propone in prima nazionale uno spettacolo che fa dell’astrazione contenutistica e rappresentativa i suoi capisaldi. Due cardini su cui poggia la poetica della coreografa fiamminga tesa a sviscerare il rapporto tra musica e danza per coglierne le reciproche influenze. Una “restituzione” coreutico-musicale in cui lo spazio diventa protagonista assieme agli interpreti: tre danzatori, due danzatrici e un musicista.

E se la musica in questione è quella straordinaria del compositore tedesco (cui la De Keersmaeker torna dopo Toccata del 1993, Zeitung del 2008 e Partita 2 del 2013), la danza è l’“altra danza” di De Keersmaeker. Una danza tutta sua, espressione del suo personale sentire e considerare il movimento svincolato da codici estetici, vincolato piuttosto a principi geometrici e basato su direzioni orizzontali e verticali. Una “pratica coreografica” favorita anche dal gusto per la meticolosa ripetizione di passi e sequenze e dall’accumulazione di una gestualità quotidiana al fine di dialogare in modo naturale e istintivo con la musica.   


Un momento dello spettacolo
© Anne Van Aerschot

Il cimento della coreografa non è da poco. Non concede nulla alla suadente liricità della danza accademica o alla potente corposità di quella contemporanea, bensì indaga l’innata arte di muoversi accompagnata e stimolata dalla partitura bachiana in uno scambio di sensazioni ed emozioni.

Lo stesso titolo, che coincide con la prima parte della traduzione di Martin Lutero della frase latina Media vita in morte sumus («Mitten wir im Leben sind / mit dem Tod umfagen», “Nel mezzo della vita, noi siamo/circondati dalla morte”), lascia in sospeso il memento dell’ineluttabile presenza della morte a favore della vita. Quella vita che per l’artista si sprigiona e reifica nel connubio musica-danza/danza-musica. 

E la certezza della vita, di contro alla certezza della morte, trova la sua espressione nell’eternità del capolavoro delle Suites bachiane, nell’azione danzata dei protagonisti Boštjan Antončič, Marie Goudot, Julien Monty, Michaël Pomero e Femke Gyselinck (che sostituisce per infortunio la De Keersmaeker), nei semplici costumi di An D’Huys e nella geometrica struttura della creazione. Una creazione-produzione della Compagnia Rosas, il gruppo fondato dalla coreografa nel 1983.


Un momento dello spettacolo
© Anne Van Aerschot

Per ogni Suite De Keersmaeker ricorre ai moduli espressivi del solo, del duetto, del terzetto, del quartetto, del quintetto che si relazionano con lo spazio scenico disegnato con nastri colorati; affronta un preciso tema emotivo e assegna al violoncellista una differente collocazione (di spalle, di fianco, di fronte). 

Così nella prima Suite vige l’armonia espressa dal solo del ballerino che si muove tra cadute e rebounds (rimbalzi), equilibri, giravolte e movimenti a terra per lasciare il posto alla seconda Suite. Un pezzo più intimista in cui una coppia dà vita a una danza di matrice espressionista in un continuo fluire di figure musicali. 

La joie de vivre prende il sopravvento nella terza Suite rappresentata da un danzatore che fagocita lo spazio con salti, giri, pseudo-arabesques, corse, prove di equilibrio, fughe e ritorni all’insegna del motto “fai con il corpo quello che la musica ti suggerisce”.

Con la quarta Suite l’atmosfera cambia perché due interpreti tracciano sul palcoscenico linee colorate e lasciano a un ballerino la libertà di muoversi dentro e fuori il disegno, reiterando gesti e passi con garbata solennità.    
   
Figura stilistica della quinta Suite è il duetto, prima maschile e femminile poi tutto al femminile, in un connubio strettissimo con la musica e la danza barocche tra riprese, reverences, contretemp e aggraziati ports de bras, fino ad arrivare a una pausa musicale in cui l’astrattezza dell’altra danza di Anne Teresa si fa ancora più palese.


Un momento dello spettacolo
© Anne Van Aerschot

La luce ideata da Luc Schaltin è il suggello finale della sesta Suite che vede il quintetto esibirsi singolarmente e coralmente in un inno alla vita per esorcizzare la morte sempre in agguato.   

Dopo aver debuttato il 26 agosto del 2017 al Festival Musicale Ruhrtriennale in Germania, ora in Italia grazie alla collaborazione tra Fabbrica Europa, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e Teatro della Toscana, Mitten wir im Leben sind è un lavoro di indubbio spessore creativo e intellettuale. Un’ardua prova di cui non vanno sottovalutati i rischi nell’affrontare la monumentalità di Bach. Gli applausi calorosi e convinti della Pergola apprezzano la sfida e onorano una coreografa che ha segnato la danza del Novecento. 



Mitten wir im Leben sind/Bach6cellosuiten
cast cast & credits
 



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013