drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Esasperante ritorno

di Elisa Uffreduzzi
  Eterno ritorno: provini
Data di pubblicazione su web 18/11/2012  

Eterno ritorno: provini, il titolo del film di Kira Muratova è già una minaccia. Un uomo fa visita a una vecchia compagna di studi per chiederle un consiglio: si è innamorato di una donna, ma ama anche la moglie e non sa cosa fare. Coinvolge così anche l’amica nelle sue sofferte riflessioni, torturandola.

Lo stesso episodio torna ossessivamente (ecco spiegato l’eterno ritorno del titolo nietzschiano), rivisitato in varie salse e con diversi attori e set, tutti simili eppure differenti. Un’infinità di variazioni sul tema, in bianco e nero e interrotta solo da una breve sequenza esplicativa a colori, nella quale un regista spiega a un possibile finanziatore che si tratta dei provini effettuati da un regista semisconosciuto, morto improvvisamente e che ora di quei provini vorrebbe farne un film.

Si crea così una sovrapposizione metalinguistica col film vero e proprio per cui i due livelli quello del film (da fare) nel film (che stiamo vedendo) finiscono per sovrapporsi. Estenuati (ma anche un po’ divertiti) dalla sequela di scenette tutte praticamente identiche, capiamo il senso di questa operazione soltanto alla fine, quando una nuova sequenza a colori svela le trattative del regista per cercare di convincere il produttore.


Si dice che sì sarebbe interessante ma il grande pubblico si annoia di fronte ai cosiddetti “film d’autore”; qualcuno lo troverà troppo lungo (in effetti!) il produttore temporeggia, promette, mette in dubbio, finché entra un uomo che millanta di essere un finanziatore col quale il regista aveva già preso precedenti accordi e di fronte allo spauracchio della concorrenza, il produttore che abbiamo visto fin dall’inizio, finalmente, cede.

Non era che una messa in scena per far capitolare quest’ultimo e il finale si perde nelle risate assordanti dei due attori improvvisati (il regista e il suo compare): un nuovo escamotage metalinguistico in un film articolato come un gioco di scatole cinesi, nel quale l’ultima, a sorpresa, non contiene niente. Uno scherzo sul cinema che è una vera e propria tortura per lo spettatore, fino alla sequenza finale, che in una manciata di minuti svela il senso dell’operazione e la finzione (nella finzione). Non un capolavoro, ma qualcosa di originale, esasperante e divertente, che rinnova il senso della parola “sperimentazione”, cinematograficamente parlando.





Eterno ritorno: provini
cast cast & credits
 



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013