drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Encore mai

di Elisa Uffreduzzi
  Après mai
Data di pubblicazione su web 07/09/2012  

 

Nei primi anni settanta, gli studenti di un liceo parigino si confrontano con l’onda lunga del maggio 1968 e le contestazioni studentesche che caratterizzarono quella stagione. Fortemente influenzati da quegli ideali, tenteranno di imitarne le modalità di protesta. Entusiasti di quella mitologia, con l’arrivo delle vacanze estive intraprenderanno un lungo viaggio con pochi programmi e tante aspettative. Finite le vacanze, per tutti arriverà il tempo di pensare al futuro. Qualcuno saprà trovare un compromesso tra realtà e ideali; qualcun altro resterà vittima delle proprie illusioni.

 

Olivier Assayas realizza un film incentrato sulle utopie post-sessantottine, carico di tutti i luoghi comuni del caso, dall’abbigliamento alla musica, all’arte e alle pseudo-correnti artistiche che in quegli anni abbondavano. Ma anche la droga, l’alcol, la libertà sessuale e in generale la controcultura che si andava sviluppando, con tutto quello che l’etichetta sottintende.

 

Accurato nella ricostruzione di ambientazione storica e costumi, con una fotografia azzeccata dai colori pastello come quelli di una vecchia polaroid, non si può dire che Après mai sia mal confezionato, ma un film così carico di cliché finisce per risultare insincero e mettere in ridicolo gli stessi ideali che celebra. In realtà si avverte l’intenzione registica di sfatare in parte quei miti, nello stesso momento in cui vengono esibiti; come se l’Assayas adulto guardasse con disincanto e una certa tenerezza una vecchia istantanea dell’Assayas adolescente, cresciuto negli stessi anni che qui ci racconta. Ne è prova il fatto che dal radicalismo di partenza, ciascuno dei giovani protagonisti dovrà fare in parte marcia indietro e chi non lo farà verrà punito con la morte. C’è insomma indubbiamente una matura consapevolezza dell’autore di quanto quei miti, pur non rinnegati, siano in parte stati smentiti e in ogni caso ridimensionati dalle stagioni a venire.

 

In un film ambientato nella Parigi di quegli anni non poteva mancare la riflessione sul mezzo cinematografico. È l’epoca del cinema engagé, con l’ambizione di “educare” le masse popolari e Gilles (Clement Metayer), il protagonista principale – che si profila dunque come una sorta di alter ego dell’autore – mette in dubbio l’ammissibilità di un linguaggio convenzionale per un cinema che si professa rivoluzionario. Qualcuno risponderà che per il cinema destinato a informare ed educare un popolo l’importante non è la forma, ma il contenuto, che non si tratta insomma di una questione di estetica. Sarà, ma Assayas non sembra aver fatto sua né l’una, né l’altra soluzione: sia la forma che il contenuto restano tutt’altro che rivoluzionari, riproponendo l’ennesima rivisitazione di una stagione passata.



Après mai
cast cast & credits
 


la locandina



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013