drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Valeria Sarmiento: una strada per le “linee di Wellington”

di Elisa Uffreduzzi
  Linhas de Wellington
Data di pubblicazione su web 07/09/2012  

 

È il 1810, quando Napoleone Bonaparte tenta di invadere il Portogallo. Le nutrite schiere delle truppe francesi guidate dal maresciallo Massena si scontrano con quelle anglo-portoghesi, condotte dal generale Wellington. La resa dei conti avverrà presso le fortificazioni di Torres Vedras, le “linee di Wellington”.

 

Con Linhas de Wellington, la regista cilena Valeria Sarmiento realizza il progetto cinematografico ideato da Raoul Ruiz di un film sulle guerre napoleoniche. Si tratta di una narrazione corale, che l’autrice compone come per bozzetti.

 

La trama si snoda infatti attraverso più fili narrativi, alternativamente lasciati e ripresi e legati ciascuno a un diverso protagonista, tutti comunque destinati a incontrarsi. Ciascuna delle storie di cui è intessuto questo complicato meccanismo di entrelacement è un piccolo melodramma all’interno del macro dramma che costituisce il film nel suo complesso.

 

Alle grandi scene di massa incentrate sui momenti decisivi della battaglia, l’autrice preferisce gli aspetti della quotidianità stravolta di un Paese in conflitto (soldati e civili). Proprio questa opzione fa la differenza, in un film in costume che altrimenti non aggiungerebbe nulla alla già nutrita schiera di film storici. Una scelta ricalcata anche dallo stile registico, che predilige il totale e le figure intere - senza dilatarsi fino al campo lungo, salvo rare eccezioni, peraltro riservate al paesaggio - anziché soffermarsi su sanguinose scene di guerra. Quest’ultima infatti è visivamente negata, come la morte non poteva essere rappresentata in scena nell’antica tragedia greca.

 

La misura minuta della regia si esplica anche nelle inquadrature ravvicinate di oggetti, veri e propri quadri, mirabili esercizi di stile, debitori della pittura fiamminga secentesca. Come nel quadro che riprende un grappolo d’uva posto su di un vassoio, durante una festa mondana: la macchina da presa compie una parziale rotazione attorno ad esso, consentendoci di apprezzare la consistenza della luce che cade sulla frutta matura e descrivendo così una vera e propria natura morta. Parimenti più avanti l’obiettivo si sofferma su di un candelabro in piano ravvicinato, raggiungendo effetti pittorici consimili.

 

Il film vanta un cast di attori celebri e di conclamata bravura, che tali si confermano anche in questa occasione. Tra gli altri Michel Piccoli, Catherine Deneuve, Isabelle Huppert, Chiara Mastroianni e John Malkovich nei panni del generale Wellington.

 

Nel complesso un po’ piatto, Linhas de Wellington è una variazione sul tema del film storico,  piaccia o meno, che ha il merito di aver cercato una via personale all’interno di un genere.



Linhas de Wellington
cast cast & credits
 


La locandina



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013