drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

The criminal network

di Elisa Uffreduzzi
  Disconnect
Data di pubblicazione su web 04/09/2012  

 

Peccato che sia fuori concorso. Sì, perché le carte in regola per vincere, Disconnect le avrebbe senz’altro. E il regista Henry-Alex Rubin, anche. Quattro diverse linee narrative principali si intersecano creando una narrazione molto scorrevole, nonostante il complicato gioco di incastri. C’è il diciottenne che si guadagna da vivere offrendo “sesso on line” a pagamento, c’è la giovane e ambiziosa giornalista a caccia di scoop, c’è la coppia che ha da poco perso il proprio bambino e ancora ci sono due adolescenti “difficili”, alle prese con un sofferto rapporto con la propria famiglia e con il contesto sociale in cui vivono. Ciascuna di queste storie incontra almeno una delle altre, delineando così una struttura circolare e coerente, imperniata sul tema dei media e dello snaturato rapporto che la maggior parte di noi intrattiene con essi. Così invece di parlarci vis à vis, filtriamo il rapporto con l’altro attraverso uno schermo, quello del computer, che ci depaupera in via definitiva della comunicazione, mentre pretenderebbe di offrircela.

 

Disconnect diviene in questo senso una sorta di controcanto a The social network (David Fincher, 2010). Ne emerge un quadro angosciante, sul rassicurante sfondo del traffico di una moderna città americana: chat e video chat on line; gioco d’azzardo in rete (basta pagare con la carta di credito), fino ad arrivare ai grandi social network. Di volta in volta non si tratta in fin dei conti che di illusioni: del denaro, dell’amore, dell’amicizia. Rubin ci costringe a confrontarci con la triste realtà che la maggior parte dei media, oggi, ha perso la sua funzione principale comunicare sostituendola con l’illusione della stessa. Oltre a una trama che ci riguarda tanto  da vicino e che ha il pregio di essere gestita magnificamente, il film si segnala per l’ottimo cast d’interpreti e per la regia che coordina con saggezza la danza circolare di tutte queste vicende individuali, ricorrendo a raccordi sul gesto, raccordi sonori e semplici raccordi di “assonanza visiva” per così dire, come la macchina in cortile, che prima è al centro di una storia, poi di un’altra.

 

Molto indovinata anche la colonna sonora (musiche di Max Richter), composta di canzoni contemporanee, pezzi di elettronica e in misura minore brani più melodici. Essa è in grado di ricreare a livello sonoro quel contrasto ansiogeno tra un’ambientazione tutto sommato familiare e rassicurante e l’aberrazione che s’insinua in essa attraverso i media.

 

Pregevole infine il finale, sospeso perché come ci hanno detto poco prima i protagonisti stessi non ha più importanza cercare un colpevole, non cambierebbe le cose. Eppure per capirlo anche loro hanno dovuto aspettare di potersi guardare negli occhi, di disconnettersi, di litigare anche, per riconquistare la fiducia in sé e negli altri e dunque, come diretta conseguenza, la comunicazione.




Disconnect
cast cast & credits
 


La locandina

 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013