drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Cronistoria di un’ascesa politica

di Elisa Uffreduzzi
  The Lady
Data di pubblicazione su web 11/04/2012  
                                 

A dodici anni dal suo Giovanna d'Arco, il regista francese Luc Besson torna a ritrarre la vicenda biografica di un personaggio femminile forte e affascinante. Se in quel caso era l’ascendente storico-religioso a connotare il racconto, stavolta, descrivendo la vicenda biografica di Aung San Suu Kyi, esso assume i contorni di un biopic contemporaneo a sfondo politico, mentre il regista d’azione abbandona la rapidità del montaggio per scoprire la lentezza e lo spazio della riflessione. Lo stile appare infatti decisamente nuovo rispetto alla filmografia bessoniana e d’altro canto in un ruolo più posato e formale, l’autore appare un po’ a disagio. Difatti, pur rimanendo riconoscibile la fisionomia registica nel magniloquente uso delle masse e dei primi e primissimi piani, manca al film proprio il giusto ritmo, quello funzionale alla godibilità del racconto e che stabilisce il discrimine tra il film engagé e quello solo noioso.

Bellissimi panorami birmani (in realtà tailandesi, dato il divieto di girare nel reale teatro dei fatti) puntellano le riprese, contribuendo a definire il tenue calligrafismo di fondo di un film senza dubbio celebrativo: della leader del movimento democratico birmano certo, ma anche di Michelle Yeoh, che interpreta egregiamente il ruolo della protagonista, accanto a David Thewlis, nei panni del marito, l'inglese Michael Aris. Non si contano infatti i primi piani dedicati alla Yeoh, sintomo inequivocabile della statura divistica dell’attrice, oltre che della centralità del ruolo.

 




 

La limata fotografia di Thierry Arbogast, al pari della regia, che rinuncia a effetti speciali e vezzi della macchina da presa (come angolazioni di ripresa inusuali o movimenti di macchina fini a se stessi), è completamente al servizio del racconto, salvo le già menzionate vedute birmane “da cartolina” in cui indulge in qua e in là, deliziando la vista del pubblico. L’autore sceglie consapevolmente di rimanere in disparte per lasciar risaltare personaggi e luoghi, protagonisti di una vicenda biografica sì, ma anche storica e politica, già di per sé estremamente ricca di forza ideologica ed emotiva e che risulterebbe solo inutilmente appesantita da una diversa scelta artistica. Lodevole dunque il pudore con cui Besson si accosta a una figura e a un vissuto tanto delicati e complessi.

Dopo un breve accenno all’infanzia e alla figura del padre – il generale Aung San, fautore dell’indipendenza della Birmania dal Regno Unito, ucciso nel 1947 e idealmente fondamentale per la formazione e l’attivismo politico della leader pacifista – il film focalizza la narrazione sul periodo che va dal ritorno in Birmania nel 1988 e gli arresti domiciliari (1989), al Premio Nobel per la pace (conferitole in absentia nel 1991) e alla tanto sospirata liberazione, avvenuta il 13 novembre 2010.

 




 

Se è indubbia la difficoltà di allestire un soggetto tanto ingarbugliato, aggravata dal fatto che tratta un mito vivente e una vicenda politica (quella della democrazia birmana) ancora in via di sviluppo, resta da imputare a Besson una certa goffaggine nell’accostare il tema. L’opera finisce infatti per somigliare più alla cronaca di una partita di calcio, che a un film biografico. Esso si risolve in una lenta paratassi: mera giustapposizione di inquadrature, episodi, eventi politici, mentre manca quasi totalmente la dimensione mitica del personaggio, quel minimo di eroicizzazione della protagonista che giustifichi la realizzazione di un biopic dedicato e ne stabilisca la differenza dal puro documentario. Probabilmente il difetto sta prima e soprattutto nella sceneggiatura di Rebecca Frayn, che ad esempio nei discorsi pacifisti di Aung San Suu Kyi di fronte alla folla accorsa, si fa ossessivamente ripetitiva e ridondante, finendo così per svilire il messaggio trasmesso, mentre lo ribadisce. Si ravvisa inoltre qualche ingenuità nel porre l’accento su certi aspetti della vita privata. Manca in fin dei conti una capacità di sintesi funzionale alla narrazione o – se anche c’è – è fraintesa, poiché toglie dove non dovrebbe, mentre abbonda dove già c’è ricchezza di contenuti.

Il film rappresenta dunque un punto di svolta nella filmografia di Besson, affermando principi registici per lui nuovi, ma la cui validità resta da verificare.




The Lady
cast cast & credits
 
                                  





 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013