drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

Una scelta classica

di Federico Ferrone
  Sogni e Delitti
Data di pubblicazione su web 03/09/2007  
Prosegue al consueto (e stupefacente) ritmo di un film all’anno la carriera europea di Woody Allen, lontano dall’amata New York e giunto ormai al terzo film londinese dopo Match Point e Scoop  in attesa di quello già girato a Barcellona e che dovrebbe uscire nel 2008.

Molti i punti in comune tra Sogni e Delitti e il primo di questi: oltre all’ambientazione e l’assenza di Allen attore, tornano il tema della colpa, della scalata sociale e dell’omicidio come arma per uscire da una impasse personale. Il film racconta infatti la storia di due fratelli affettuosi e pasticcioni della working class londinese: il fragile Colin Farrell, meccanico con il vizio del gioco d’azzardo, e il metodico Ewan McGregor, disposto a tutto pur di fare colpo sulla ragazza attrice. Trovandosi a fare i conti con gravi problemi di denaro, i due hanno una sola soluzione per uscirne, chiedere un aiuto al ricco zio (l’eccellente Tom Wilkinson), che però in cambio chiede loro di eliminare un uomo la cui deposizione a un processo rischia di mandarlo in prigione.



Ewan McGregor
Ewan McGregor


Come in Match Point, sono espliciti i richiami a Dostoevskij, a partire dal tema dell’omicidio e della colpa, insieme a quello fin troppo esplicito del gioco d’azzardo. Ma la parabola dei due protagonisti ricorda anche i romanzi di formazione inglesi alla Thackeray o alla Hardy, già “padri letterari” di due adattamenti cinematografici leggendari come Barry Lindon e Tess. Entrambi piuttosto goffi, ingenui e sognatori, i due fratelli vivono, man mano che il film va avanti, destini ed umori differenti: uno è ossessionato dal senso di colpa, l’altro perde ogni residuo scrupolo.

Allen fa quello che sa fare meglio, dirigendo alla perfezione degli ottimi attori in una commedia nera che segue un filone da lui abbondantemente praticato anche in America, da Misterioso omicidio a Manhattan a Crimini e misfatti. Racconto di formazione “immorale” tragicomico, Sogni e Delitti flirta con i classici della letteratura (c’è anche la tragedia greca, si veda il riferimento a Cassandra, profetessa destinata a non essere udita), si avvale delle musiche (qui piuttosto didascaliche) di Philip Glass, ma soprattutto offre un cast composto da britannici doc con esperienza hollywoodiana che sembra divertirsi un mondo a farsi dirigere dal regista. Stupisce in particolare il belloccio e solitamente inespressivo Farrell, qui piuttosto bravo nell’inedito ruolo comico/tormentato dell’omicida pentito.

Senza il paragone recente di Match Point il nuovo film di Allen sarebbe un opera eccellente ma la forza delle somiglianze tra i due obbliga naturalmente a ridimensionare il giudizio. Anche perchè tra i due sussiste una differenza fondamentale: laddove in Match Point il “lieto fine” suggellava l’etica spietata del protagonista parvenu con geniale cattiveria, in Sogni e Delitti il tragico epilogo è in fondo una soluzione banale e poco ambiziosa.








Sogni e Delitti
cast cast & credits
 

 





 

 

 

 

 

 


 

Woody Allen
Woody Allen



 
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013