drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | Link | Contatti
cerca in vai

La nouvelle vague dei folletti del nord

Michele Manzotti
  Sigur Ròs
Data di pubblicazione su web 08/12/2005  

La lontana Islanda è da tempo diventata motivo di interesse musicale. La capostipite di questa nouvelle vague è stata la cantante Björk, seguita dal gruppo dei Mum, legato prevalentemente al linguaggio elettronico. Forse però il vero oggetto di culto di questi ultimi anni è incarnato dai Sigur Ròs. Nelle foto ufficiali si presentano come folletti del nord, senza fronzoli o look particolari. Particolare è invece la loro ricerca musicale, legata solo in parte agli schemi del rock, ma con una ricerca tutta propria. Innanzitutto il ritmo ha una funzione lirica più che di accompagnamento e gli strumenti solisti diventano a loro volta ritmici. Quindi il quadrilatero chitarra-basso-tastiere-batteria diventa un tutt'uno nello sviluppo del brano, senza i ruoli canonici, spesso con l'aggiunta di archi e percussioni a suono determinato. La voce poi spesso si lancia non tanto in melodie con capo e coda, ma in versi ripetuti più volte con viaggi verso il registro alto del cantante chitarrista Jón Bor (Jónsi) Birgisson. Certo le ispirazioni non mancano: i Pink Floyd di Ummagumma, Meddle e More, i Tangerine Dream di Phaedra, il Robert Fripp e il Brian Eno della loro prima collaborazione No PussyFootingQuesta formula ha comunque portato il secondo album Agaetis Byrjun uscito nel 2000 (il primo, Von, è introvabile fuori dall'Islanda) ad avere un successo increbibile negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, con il traino dei singoli Svefn-g-englar e Ny batterí. Gli anni successivi hanno visto la terza produzione () caratterizzata da brani senza titolo in una lingua totalmente inventata e chiamata hopelandish, collaborazioni prestigiose come quella con il Kronos Quartet e un nuovo successo annunciato, ovvero il disco Takk.

 

Jón Bor (Jónsi) Birgisson
Jón Bor (Jónsi) Birgisson

 

Come successe tre anni fa dopo (), i Sigur Ròs hanno affrontato un breve tour italiano partendo da Firenze. Gli spazi limitati del Tenax hanno lasciato il posto al più capiente Saschall, ma i 2500 biglietti sono andati esauriti in prevendita. Ma se volessimo indicare un luogo ideale per le esibizioni del gruppo sarebbe quello del teatro classico. E' infatti una musica che per essere apprezzata pienamente ha bisogno di concentrazione, di raccoglimento. Soprattutto di essere anche vista: l'esibizione infatti inizia e finisce con un telo bianco che nasconde i musicisti, mentre molti brani sono accompagnati da video. Il già citato Birgisson usa spessissimo l'archetto per la sua chitarra elettrica (una prassi che solo Jimmy Page dei Led Zeppelin adottò nella celeberrima Dazed and Confused dal vivo) come elemento stilistico. Inoltre ai quattro ragazzi si accompagna un quartetto d'archi femminile, Amina, le cui componenti a volte lasciano i propri strumenti per affrontare xilofoni e marimba. 

 

Sigur Ròs e Amina ringraziano il pubblico
Sigur Ròs e Amina ringraziano il pubblico

 

Lo spettacolo scorre comunque molto bene, sorretto da un entusiasmo tipico per artisti ormai divenuti oggetti di culto. Nella scaletta ci sono specialmente i nuovi brani da Takk, con molti momenti tratti da Agaetis Byrjun, a partire dal già citato Ny batterí fino a Olsen Olsen e Vidrar Vel Til Loftarasa. I quattro componenti sembrano vivere in simbiosi,  ben consci di un legame artistico fortunato. Eppure facendo il confronto con quanto ascoltato nel 2002, c'è sicuramente un dato da sottolineare: sembra che i Sigur Ròs abbiano perso l'innocenza. Certo l'ispirazione non esce dai binari consueti, ma talvolta le orecchie percepiscono qualcosa di già ascoltato: qualche elemento di psichedelia anni '70, refrain di ballate del folk-rock britannico, elementi pianistici di  musica new wave. Per questo usciamo soddisfatti ma non al 100 per cento. C'è da conquistare un pubblico più vasto. Per ora i teatri possono aspettare.



Concerto dei Sigur Ròs



cast cast & credits



kjartan (kjarri) Sveinsson
kjartan (kjarri) Sveinsson

 

 

 


 

Jón Bor (Jónsi) Birgisson
Jón Bor (Jónsi) Birgisson

 


 

 
Firenze University Press
tel. (+39) 055 2757700 - fax (+39) 055 2757712
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013