logo drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | I lettori scrivono | Link | Contatti
logo

cerca in vai

 
Torna alla bacheca


Il concerto di Capodanno

Eh sì, evviva Radio 3. Domenica 1 gennaio bastava accendere Radio 3  e... come tutti gli anni trasmettevano integralmente dal Musikverein di Vienna il concerto di Capodanno dei Wiener Philharmoniker, diretti da Mariss Jansons. Ottimo concerto  ben orchestrato e ben diretto, niente a che vedere con il concertino che ci ha propinato la televisione dalla Fenice... ma pochi lo sanno e pochi lo ascoltano. Io sono una delle fortunate probabilmente. Speriamo che l'anno prossimo si cambi «musica»...

Buon anno a tutti voi

Patrizia Boidi

--------------

Egregio dottore,
premetto che amo molto i Wiener Philharmoniker e il concerto di Capodanno di Vienna (di cui ho una collezione di VHS registrate da mio padre da anni). Mi sconcerta  però questa reazione così polemica e, mi permetta, quasi razzista nei confronti del concerto della Fenice (restaurato alla vecchia maniera, mi pare, forse hollywoodiano perché ripulito e sfavillante? ben venga Hollywood allora!).

Cosa c'entra il capodanno con la musica di Verdi, Puccini, Donizetti? Forse questa non è musica? E soprattutto musica italiana?? Mi permetto allora di dire: cosa c'entra l'italia con con la musica di Vienna? Mi sembra tanto uno sfoggio di snobberia niente male... anche perché il concerto dei Wiener non è stato oscurato ma era ben visibile ed io l'ho visto, dottore. Lei? Ah no... lei era impegnato a spiegare a Silvio Berlusconi che l'accento sulla parola cultura va sulla penultima...

Saluti

Antonella


-------------------------------------------------

Il critico risponde


Come si vede, siamo imparziali e pubblichiamo due pareri. In generale, si può dire che esiste anche una cosa che si chiama tradizione, ed è solo provinciale inventarsi tradizioni che non si hanno (a questo si doveva l'accenno ad Hollywood, non ad altro: magari noi facessimo in Italia concerti come a Los Angeles...). Quanto al nostro concertino veneziano, fa piacere che tutti i critici musicali dei giornali la pensassero come noi, anzi anche peggio.

Roberto Fedi

Invia una lettera alla redazione

Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013