logo drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | I lettori scrivono | Link | Contatti
logo

cerca in vai

 
Torna alla bacheca


La vita meravigliosa... la TV no! (Natale a Studio Aperto)

Ancora una volta, il signor Fedi è riuscito, con ironico garbo, a rendere giustizia al nostro buongusto e alla nostra intelligenza continuamente mortificata. Faccio riferimento all'articolo del 29 dicembre 2003 (vedi sezione Televisione)

L'assurdo e il nonsense che quotidie ci propinano i Tg di ogni rete hanno raggiunto livelli obbrobriosi e abbracciano ormai il ridicolo. Non è forse da idiota chiedere a uno sciatore, immerso fino ai polpacci nella neve e definitosi turista, se fa freddo e dove passerà le vacanze? A me sembrava abbastanza ovvio! Per non parlare poi di quei 'placcaggi' di strada e di quegli affannosi 'inseguimenti' (degni di denuncia per molestie) di impensieriti cittadini, al solo scopo di chiedere: "Che regali farà quest'anno?", "Lei riceverà qualche regalo?"... Fossi stato al posto loro avrei volentieri mandato l'alieno al paese dei balocchi (per non dire altro!).

E che dire di quei filmati di repertorio che il Fedi ricordava? Nuovi quanto i filmati dei fratelli Lumière. Ecco un esempio: ogni estate, da circa tre anni, allorché si parla del caldo torrido e dell'afa, viene riproposto il filmato di un giovane che si tuffa nelle acque bellissime della Sicilia. In tutta confidenza, credo che quel giovane atletico abbia ormai più di quarant'anni.

Insomma, la scarsa qualità della notizia, non fa più notizia! Come non meraviglia di certo la scarsità della notizia. Forse è per questo motivo che si eccitano come invasati alla notizia di catastofi naturali o notizie cruente. Povere vittime! Ma non fa certo male rilevarlo ogni volta che si insulta la nostra intelligenza e si sottovaluta il nostro spirito di osservazione. Bravo signor Fedi! 

Per quanto riguarda La vita è meravigliosa del grande Frank Capra, è un film che ho sempre considerato una meravigliosa carezza di dolci sentimenti; è un viaggio nell'ambito mondo del buono, del bello e del giusto. E' un film così esaltante emotivamente e così coinvolgente sentimentalmente, che dovrebbe sempre essere riproposto, almeno in questo periodo. Purtroppo, né i canali Rai né quelli Mediaset hanno saputo soddisfare il nostro sano bisogno di buoni sentimenti. Ma un piccolo canale locale, sì! Per mia fortuna, anche se poco diffuso ormai, esiste ancora il gusto del bello.

Grazie, signor Fedi.

Un augurio alla redazione

Graziella B. (Salerno)

Invia una lettera alla redazione

Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013