logo drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | I lettori scrivono | Link | Contatti
logo

cerca in vai

 
Torna alla bacheca


La matita rossa e blu di Paolo Patrizi

È certamente una professoressa, forse anziana, quella che ha scritto il commento sul mio libro: la matita rossa e blu iperattiva con la quale appresta un’inflessibile difesa dell’ortodossia saggistica, l’occhio di falco con il quale individua i refusi (purtroppo diffusi) mi hanno d’acchito indotto a questa deduzione.
Quando ho letto che la firma in calce al commento è quella di Paolo Patrizi (salvo che questi non sia lo pseudonimo di una professora) ho dovuto constatare che l’aver pensato a una bacchettatrice rubescente che ha chiosato i giudizi da me espressi nei confronti di Puccini o di Schelling, che si è indignata per la comparsa, tra i miei riferimenti, di nomi non riveriti, che si è irritata persino per la irriguardosa collocazione della categoria delle balie tra le non colte, era stato un momentaneo clamoroso abbaglio.
Rilevato che l'autore del commento è dunque un musicologo che scrive molto per una rivista di alto valore culturale mi sono sentito a  disagio perché lo ho costretto a invelenirsi per il quarto di copertina (che ha costituito in effetti il nerbo del suo commento); e poi mi sono oltremodo rammaricato perché non gli è piaciuta la sostanza della mia psiche (narcisismo ipertrofico) e si è, nel contempo, immalinconito per la “ascientificità” del mio lavoro da lui ritenuto un’occasione perduta.

Non so come farmi perdonare da Paolo Patrizi per il nocumento causato: ci penserò.
Per ora mi limito a scusarmi con lui per il vulnus che ho provocato ai suoi occhi virginei scrivendo un aggettivo con due zeta che deve aver particolarmente turbato il suo equilibrio  e la sua sensibilità.









Ugo Gangi


-------------------------------------------------

La coerenza di Ugo Gangi


Paolo Patrizi, che per sua fortuna o sfortuna non è una professoressa anziana ma un critico musicale quarantatreenne, letta con attenzione la risposta di Ugo Gangi non può che apprezzarne la coerenza: è completamente in stile con il suo libro.


Paolo Patrizi

Invia una lettera alla redazione

Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013