logo drammaturgia.it
Home | Cinema | Teatro | Opera e concerti | Danza | Arte | Racconti e... | Televisione | Libri | Riviste
Punto sul vivo | Segnal@zioni | Saggi | Profili-interviste | I lettori scrivono | Link | Contatti
logo

cerca in vai

 
Torna alla bacheca


Io sto con i pirati!

Vorrei dire poche parole riguardo al successone di Distretto di polizia rispetto "all'inconsistente e noioso" film di pirati (così descritto nel vostro articolo). Io "purtroppo" ho visto quest'ultimo... e lungi da me piangere il funerale nazional popolare di Canale5... ho preferito fare un giro in giostra, divertendomi un mondo, con il pirata più improbabile e sovversivo che abbia mai visto al cinema. Sopravvalutato? Casomai il contrario! Jack Sparrow è una delle invenzioni cinematografiche più belle del cinema e la conferma di uno dei più grandi attori contemporanei... Se la maggiorparte degli utenti tv preferisce fiction e reality che nella maggiorparte dei casi sono piattissimi e volgarissimi spettacoli allora è giusto che si facciano un pianto generale!

Che posso dire di più... condoglianze! E riguardo a certi critici che proprio "non mandano giù" che un attore come Johnny Depp possa avere un talento straordinario oltre che un corpo (è stato sopravvalutato anche da Tim Burton? Jim Jarmush? Terry Gilliam? Roman Polanski?) vorrei solo dare un consiglio: fate come i pirati... beveteci su!

Saluti

Maddalena Savone

------------------------

A volte si leggono critiche negative difficili da capire e giustamente chi è di parte non accetta che certe terminologie vengano usate di sproposito. Mi riferisco alle parole scritte dal sig. Roberto Fedi nel vostro articolo del 5 ottobre, Mort..cci tua!

Non discuto la fiction in questione in quanto non la conosco, pertanto ritengo che ognuno sia libero di esprimere le critiche che ritiene più opportune. Ma quando queste risultano "inconsistenti", quando cioè mancano di obiettività ed oggettività, non posso non intervenire. Poco importa a mio avviso l'indice di gradimento registrato in tv: con quello che passa ultimamente, c'è gente che nemmeno la guarda più, o che ha ridotto di gran lunga il tempo di visione di certi programmi. Forse queste stesse persone hanno fame e sete di una cultura diversa, di fantasia, di immaginazione, di passione, di divertimento e, perché no?, di poter ancora sognare. E per fortuna esiste il cinema! E ancora per fortuna la gente continua ad andare al cinema evitando certe palle infinite come soap opera, fiction o reality. E quando voi definite che Johnny Depp è stato "sopravvalutato", non posso non dirvi che, ahimè, anche l'Academy l'ha penalizzato con una "farsesca" nomination agli Oscar, proprio per il SUO Jack Sparrow. Riuscite ad accettare che registri del calibro di Burton (sì, uno qualsiasi!), o Gilliam, o Jarmush o Polansky (ma chi sono 'sti poracci?) hanno fatto carte false per averlo nei loro film o per poterci lavorare assieme? Già! ...ma forse non li avete visti questi film perché sono "noiosi". E allora ringrazio Johnny per le sue scelte noiose; perché ci ha regalato ruoli sempre diversi; perché ha improvvisato ed ha inventato il SUO modo di recitare rimanendo fedele a se stesso.

Capisco quanto per voi sia difficile accettare che un bravo attore sia anche un bell'uomo... e per questo vi suggerisco un corso di autostima perché l'invidia è una cattiva consigliera.

Monica

PS: Sembra che Distretto l'altra sera sia stato battuto alla grande da un'altra fiction. E ora come la mettiamo? Ma tutta quella roba che muore il poliziotto tanto bravo per cui tutta l'Italia piange non era costruita ad hoc, vero? E poi sono i pirati ad essere inconsistenti!

--------------------------

Mi aggrego alle precedenti lettere riguardo alla critica fatta al film La maledizione della prima luna a favore della fiction Distretto di polizia. Premetto che sono di quelle persone (tante, sempre di più) che non guardano fiction, reality, quiz (a livello demenziale oramai), giochi, domeniche qua e domeniche là, praticamente non guardo più la TV da quando è sommersa da certi programmi! Comunque non avete pensato che forse Distretto di polizia ha avuto più telespettatori in quanto La maledizione è andato in onda dopo 3 anni che era uscito al cinema, che milioni di spettatori l'hanno visto al cinema, noleggiato, comprato in dvd e visto e rivisto? Premesso questo, non discuto i gusti della gente, "non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace", ma le parole usate verso Mr. Depp  che senza ombra di dubbio è uno dei migliori attori attualmente in circolazione a livello mondiale (e non sto qui a ripetere la sfilza di registi che l'hanno richiesto ed i premi che ha ricevuto: ringrazio chi lo ha già fatto) e in più è pure bellissimo (il che non guasta, capisco che la cosa negli animi umani possa anche suscitare invidie), mi sono sembrate ingiuste, gratuite, esagerate e dette a sproposito! Qualcuno penserà che anche io sia obnubilata dal suo fascino piratesco, ma penso che prima di scrivere certi termini (verso qualsiasi altro grande attore, non solo verso Mr. Depp) bisognerebbe pensarci due volte e farsi un'autoanalisi!

Laura


-------------------------------------------------

Il critico risponde


Gentile signorina,
nessuna volontà da parte nostra di misurarci con Mr. Depp - sarebbe da suicidi. Il fatto è che lei, forse obnubilata dal suddetto pirata, ha travisato il senso del nostro intervento. Che era solo una nota sulla ragione, poco comprensibile ma interessante in senso socio-massmediologico, del perché un serial tutto sommato medio come il 'Distretto di polizia' potesse sbaragliare il farsesco ma famosissimo pirata Jack Sparrow. Tutto qua. La furbizia dei programmatori è stata di buttare sul piatto la puntata con la morte di uno dei protagonisti. Quanto ai pirati dei Caraibi, le assicuro che il secondo film è addirittura più farsesco del primo. Ma, su questo, sorvoliamo: de gustibus, eccetera eccetera. Continui a seguirci, grazie.

Roberto Fedi

Invia una lettera alla redazione

Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
© Firenze University Press 2013